Il percorso di avvicinamento all’inizio della nuova stagione del mondiale SBK continua, e gli ultimi tasselli del puzzle relativo al mercato stanno trovando la loro collocazione.

Dopo l’annuncio di Axel Bassani con il team Motocorsa infatti anche un altro italiano sta cercando di definire il proprio futuro tra le derivate di serie. Parliamo di Samuele Cavalieri che, dopo aver disputato nella scorsa stagione il CIV Superbike e due round (Barcellona e Magny – Cours) del mondiale di categoria con i colori del team Barni, è in piena trattativa per la stagione 2021 con il team Pedercini.

Cortese e Baz bocciati, occasione per Cavalieri


Il team lombardo dal canto suo ha già ufficializzato l’ingaggio di Loris Cresson, già in sella nell’ultimo round della passata stagione ad Estoril, ma starebbe cercando un secondo pilota da affiancare al giovane belga. Nei mesi precedenti non sono mancati gli incontri tra Lucio Pedercini e Sandro Cortese, già insieme l’anno scorso sino al brutto incidente occorso al tedesco a Portimao, ma proprio i dubbi legati alle condizioni fisiche di Sandro hanno fatto naufragare il tutto.

Un altro nome sul taccuino di Lucio nelle scorse settimane è stato quello di Loris Baz, ma anche in questo caso la trattativa si è chiusa in un nulla di fatto, questa volte per vie delle cifre (troppo alte) necessarie per portare a termine il tutto.

Ecco così crearsi l’asse Cavalieri – Pedercini, con il primo in cerca di un posto da titolare nel mondiale ed il secondo in cerca di un secondo pilota per la propria struttura. Da circa due settimane le parti sarebbero in trattativa, e giorno dopo giorno sembrerebbero sempre più vicine all’accordo. In caso il matrimonio andasse a buon fine Samuele sarebbe il quarto azzurro ad occupare un posto nella griglia 2020 dopo Rinaldi, Locatelli ed il già citato Bassani.

Test Jerez SBK, Rea: “Spreco di soldi non girare, ma il regolamento ci limita”