Le condizioni atmosferiche fornite dal cielo di Misano non sono state le migliori, ma questo non ha fermato la voglia di scendere in pista di Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi, che hanno finalmente inaugurato il loro 2021 con la prima uscita di squadra.

A cercare di compromettere il tutto ci ha provato la nebbia, che in mattinata ha ridotto il tempo a disposizione dei due portacolori Aruba Ducati, ma con il passare delle ore la situazione è migliorata, consentendo a Scott e Michael di mettere a referto rispettivamente 70 e 52 giri.

Rinaldi: “Non vedo l’ora che inizi la stagione”


Per Rinaldi l’uscita odierna ha fatto il paio con la prima in assoluto svolta con il suo nuovo team, risalente all’ottobre scorso ad Estoril. Oggi come in quel caso il meteo non ha particolarmente collaborato, ma questo non ha tolto il sorriso al romagnolo. “Le condizioni non erano perfette – apre Michael - dato il freddo e la conseguente bassa temperatura dell’asfalto, così ho cercato soprattutto di fare più chilometri possibile”.

Il bilancio è dunque positivo per il numero 21, che non ha però minimamente placato la sua voglia di azione in pista.

“Non è andata male, anche se non ho avuto modo di arrivare davvero al limite. E’ stato bello in primis tornare in sella: la mia voglia di girare ora è aumentata se possibile, e purtroppo dovrò aspettare per farlo, ma per il momento sono contento del lavoro svolto oggi con tutto il team. Non vedo l’ora che inizi la stagione, per spingere al 100%”.

Redding: “Soddisfatto, sono riuscito a provare ciò che volevo”


Sorridente anche Scott Redding, che dopo una mattinata passata tra mille dubbi ha potuto compiere la sua prima uscita ufficiale del 2021, aprendo ufficialmente la sua seconda caccia al titolo Superbike. “Arrivato in circuito ho trovato davvero tanta nebbia – racconta Scott - così ho pensato che nemmeno oggi sarebbe stato possibile girare. Per fortuna così non è stato, e sono potuto scendere in pista”.

Scott dal canto suo aveva un chiaro piano di lavoro in mente, che pare essere riuscito a rispettare, ritrovano al contempo le giuste sensazioni. Da domani sarà tempo di riprendere gli allenamenti, in vista dei prossimi test fissati per metà marzo, sempre sul tracciato romagnolo.

“Avevo alcune cose da provare e sono riuscito a farlo, quindi personalmente sono soddisfatto. Mi sono sentito felice in sella, ho assaporato nuovamente l’adrenalina che cerco, e credo sia stato un bene per tutta la squadra l’aver fatto questa giornata in pista. Probabilmente a marzo troveremo delle condizioni migliori, il che senza dubbio aiuterà. Ora tornerò a casa e riprenderò ad allenarmi al massimo, per essere il prima possibile nelle migliori condizioni in vista dell’inizio della stagione”.

SBK, Chaz Davies cerca il riscatto: “Sono qui per vincere”