Se un progetto nasce valido e si conferma interessante anche a più campionati, significa che si possa ritenere di successo. Quando in SBK venne introdotta la monofornitura di pneumatici, qualcuno si palesò scettico, invece oggi tutti sono d'accordo: Pirelli ha cambiato - in meglio - la storia del Mondiale dedicato alle moto derivate di serie.

Nel 2004, le gomme della Casa milanese vennero montate da tutte le moto presenti in griglia. Da allora al presente, le squadre ed i piloti iscritti alla serie hanno garantite le medesime possibilità di competere e lo sviluppo delle coperture durante la stagione di gare. 

Negli anni, la partnership tra Pirelli e Dorna si è rafforzata, per un lavoro condiviso a braccetto, con sinergie e obiettivi in comune. Per esempio, nonostante il 2020 sia stato inconsueto e più complicato del solito, l'audience riscosso dalla SBK è salito del 6% in ogni singolo round iridato.

Pirelli e SBK: 2020 più altri tre anni


Forti di questi ed altri dati incoraggianti, Pirelli e Dorna hanno sottoscritto un nuovo accordo. La fornitura aveva scadenza a fine 2020 ed è stata stipulata per ulteriore tre stagioni complete. A beneficiarne sono - ancora - le classi Superbike. Supersport e Supersport 300, a cui si aggiunge lo Yamaha R3 bLU cRU European Cup.

Quindi, sino al 2023 il Marchio contraddistinto dal Diablo firmerà le azioni della pista, coi ben noti cartelloni gialli con scritta rossa e neri con scritta rossa, che tanto piacciono ad appassionati e addetti ai lavori. La connessione racing-strada è diretta e l'utente finale si riconosce nel prodotto Pirelli.

Enorme l'effort del fornitore unico. Dal 2004 ad oggi, sono stati portati nel paddock oltre un milione di pneumatici da competizione, con lo sviluppo di 750 nuove soluzioni. Le gomme sono poi state usate in 19 Paese e 29 circuiti diversi, con un totale di 432 corse nella classe Superbike. In gara sono stati macinanti oltre due milioni di chilometri, per temperature dallo zero di Assen ai 60 registrati più volte. 

SBK, la soddisfazione di Pirelli e Dorna


Giorgio Barbier è l'anima storica di Pirelli in SBK. Nessuno meglio di lui conosce il paddock delle derivate, per un rinnovo assolutamente soddisfacente: "Nel 2020, Pirelli e Dorna hanno rafforzato la partnership - le sue parole - dimostrando notevoli doti di resilienza e resistenza. Portiamo avanti la consapevolezza di poter gestire al meglio la prossima stagione ed il Campionato delle derivata dalle serie negli anni futuri. Numero e qualità degli iscritti di questa edizione dicono che avremo un livello di competività assoluto. Continueremo a lavorare con Dorna per far crescere il campionato".

Marc Saurina è il Direttore Esecutivo della SBK: "Continuare con Pirelli rappresenta una lieta notizia - la dichiarazione dell'uomo Dorna - perché dal 2004 la Casa milanese è parte integrante di un pacchetto racing fenomenale. Pirelli sviluppa le gomme per la Classe Superbike e poi trasferisce il prodotto a tutti i clienti del Mondo. La sfida affrontata nel 2020 ha confermato la forza della nostra partnership e nel 2023 sarà festeggiato il ventitreesimo anno di fornitura. Un record nel motosport dal quale ci aspettiamo fantastiche competizioni".

Marco Borciani: "Ridateci la vera Superpole in SBK"