Primo stamattina, idem nel pomeriggio: Toprak Razgatlioglu sta ripetendo il trend offerto nello scorso autunno, quando all'Estoril fu il miglior pilota SBK visto in Portogallo. Il pilota del team Crescent-Brixx sa sfruttare al meglio la sua Yamaha, nel frattempo cresciuta in termini prestazionali e di efficacia.

Infatti, il pupillo di Kenan Sofuoglu ne esalta le doti: "Durante l'inverno è stato fatto un ottimo lavoro - le sue parole - ecco perché ora guido più disinvolto. La R1 si trova bene in questa pista, dato che nelle curve lente e nei cambi di piega mantiene bene la linea, voltando sicura e precisa. Sì, la nostra moto qui viaggia forte".

Lo fa anche chi sta in sella, confermandolo: "Già nel 2020 avevo apprezzato l'Estoril e le sue caratteristiche spettacolari. Mi piaccione le curve sopraelevate ma, soprattutto, adoro frenare duro. Stacco proprio all'ultimo istante e qui ci sono diverse punti in cui posso farlo. La R1 risponde bene ai miei comandi, la pista esalta le caratteristiche Yamaha e pure le mie. Dopo secche staccate, apro tutto e subito".

L'obiettivo del numero 54 è uno. Anzi, sono due: "Pole position - spara, ma non scherza - e gare. Cioè, provare a vincere sabato pomeriggio, domenica mattina e domenica pomeriggio. In pratica, desidero fare meglio del già eccellente weekend 2020. Sono qui per migliorare. Sempre. Contando sul fatto che qui io possa determinare la differenza".

Pecco Bagnaia racconta il suo venerdì della MotoGP disputata al Mugello