Le voci del paddock sono come le onde di Radio Maria: arrivano ovunque, con frequenze potenti e diffuse su tutto il territorio. Giusto qualche istante fa, ecco quanto segue: Garrett Gerloff ed il GRT Yamaha WorldSBK Team avrebbero, anzi, hanno confermato il reciproco impegno, relativo ad una ulteriore stagione da vivere insieme.

Quindi, il campionato 2022 dedicato alle moto derivate dalla produzione di serie. L'affiatamento tra l'americano e la R1 è sempre più alto e la vittoria appare bersaglio prossimo. Entrambe le parti hanno confermato quanto sia bello salire sul podio, meglio se si trattasse del gradino più alto e centrale.

Malgrado le buone impressioni lasciate e prese dalla e nella MotoGP, il venticinquenne di Spring - ventisei da compiere il primo agosto e nativo in Texas - continuerà esattamente dove si trova oggi, difendendo ancora i colori (blu) della Casa di Iwata.

Razga a posto, Locatelli sulla giusta strada, ulteriore chance per Nozane

Dopo la conferma turca e quella a stelle e strisce, passiamo ad altre due bandiere. L'italiano Andrea Locatelli, nel suo anno vissuto da rookie, sta facendo bene e la conferma nel Pata Yamaha with Brixx sembra vicina. Lo aguriamo al bergamasco, campione in carica Supersport.

Un posto in GRT è, perciò, assegnato, resta il secondo, attualmente detenuto da Kotha Nozane. Il giapponese - anch'egli debuttante nel Mondiale - cresce di uscita in uscita e lo attendiamo ad Assen, a seguito del piccolo infortunio rimediato settimane orsono.

Raramente una pedina del Sol Levante viene in Europa per una toccata e fuga. Vien da pensare, sicché, ad un possibile rinnovo pure per lui. In caso affermativo, le squadre principali dei tre diapason rimarrebbero anche nel 2022 con lo stessa line up di oggi.

Johnny Rea, sei volte iridato SBK, ha preso la patente per la moto