SBK Argentina, Razgatlioglu: “Ho visto Rea a terra, ma non ero contento”

SBK Argentina, Razgatlioglu: “Ho visto Rea a terra, ma non ero contento”© GPAgency

Toprak: "Fortunatamente Johnny si è rialzato, ma io vorrei duellare con lui nelle gare del weekend e so che tornerà subito forte. Qui con la Kawasaki Ninja ho ottenuto tre podi, ma con la Yamaha R1 voglio vincere"

15 ottobre

Mentre Rea ruzzolava, Razgatlioglu dominava. Questo è il verdetto della SBK di oggi, per un round argentino accesissimo. Toprak, sebbene pensi solo alle corse in cui si assegnano punti e consegnano trofei, si gode il venerdì: "Sì, questo è stato per me un giorno davvero bello - spiega - perché con la R1 ho evidenziato una grande velocità durante la simulazione gara. Ho anche provato alcune regolazione di set up, rivelatesi soddisfacenti. Sono contento e pronto alla sfida di domani".

Con Kawasaki, il turco a San Juan ha ottenuto tre podi, condivisi con il team Puccetti. La Yamaha Pata with Brixx è tanto diversa dalla ZX-10RR, però gli piace altrettanto, se non di più: "Sono andato forte qui in Argentina con la Ninja, con podi calcati nel 2018 e nel 2019. Ma adesso ho bisogno di vincere con la Yamaha. Domani vedremo, perché sarà importante provare a stare davanti a tutti. Infatti, non ho particolari strategie, se non dare gas".

Infine, la tempesta, gradita nemmeno dai cammelli. Al turco non ha fatto caldo né freddo: "Non ero spaventato dalla sabbia, ho visto Johnny cadere, ma io sono rimasto tranquillo. Però, attenzione a questo: nonostante il volo, qui Rea è forte e lo sarà anche nelle gare del weekend. Ho visto che dopo il ruzzolone era a piedi, a posto. Per fortuna stava bene, ma non sono contento di averlo visto a terra. Preferisco duellare con lui, senza che vada a terra".

Rea su San Juan: "Pista pulita bene, ma fuori traiettoria è come il Qatar"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi