Alla vigilia del "ponte" per la Festa della Repubblica, Davide Giugliano e Chaz Davies hanno lavorato sodo, portando a termine due giorni di prove sul circuito di Misano. Un test utile sia per preparare al meglio l’ottavo round del campionato mondiale Superbike – in programma dal 17 al 19 giugno – che per continuare lo sviluppo di ciclistica ed elettronica in vista della seconda metà della stagione.

Chaz Davies e Davide Giugliano hanno percorso rispettivamente 105 e 108 giri sulla Panigale R, effettuando diverse prove comparative e lavorando per migliorare ulteriormente il setup di base in configurazione gara con particolare attenzione alla costanza di prestazioni con pneumatici usati. La pioggia caduta nel pomeriggio della seconda giornata ha impedito lo svolgimento di long-run, programmati proprio per le ultime ore di test, ma entrambi i piloti si sono detti soddisfatti e fiduciosi in vista della prossima sfida.

DAVIDE GIUGLIANO - “Abbiamo verificato alcune idee, soprattutto in termini di elettronica, che si sono rivelate abbastanza azzeccate", ha spiegato Davide Giugliano, che ha siglato il proprio miglior crono di 1'35''510. "È sempre importante poter fare dei test approfonditi sul setup di base, perché durante le gare ci si concentra solo sulla velocità pura, e sono convinto che abbiamo fatto un altro passo nella giusta direzione.

"Ho anche provato un comando di freno posteriore azionato a pollice con buone sensazioni, anche se logicamente devo ancora prenderci la mano.

"Nelle ultime gare siamo stati progressivamente più veloci, ed ora il prossimo obiettivo è quello di fare un weekend intero senza cali di prestazione”, ha concluso Giugliano.

CHAZ DAVIES - “Dopo molte gare, sembrava che fosse passato davvero molto tempo dagli ultimi test. È stato indubbiamente positivo avere a disposizione due giorni per effettuare diverse prove che non ci è possibile fare durante un weekend di gara", ha detto Chaz Davies, che nel miglior giro ha siglato il cronometro sull'1'35''485.  

"Peccato che il meteo ci abbia tolto qualche ora di pista, ma abbiamo trovato un paio di buone soluzioni che dovrebbero rappresentare un ulteriore passo avanti nel nostro setup di base e questa è la cosa più importante.

"A questo punto della stagione tutti gli avversari sono in grado di essere veloci fin dai primi turni, anche se sicuramente sono stati test utili anche per arrivare alla prossima gara maggiormente preparati. Lo scorso anno Misano non è stato un weekend facile per noi, e contiamo di rifarci tra poche settimane”, ha concluso Chaz Davies.