Il secondo turno di prove libere a Laguna Seca si chiude nel segno di Chaz Davies, che dopo aver siglato il secondo crono nel turno d'esordio, ha ribadito il suo feeling con il circuito americano, dove lo scorso anno ha colto la doppietta con la sua Ducati ufficiale.

Secondo tempo per il leader della classifica iridata nonché campione in carica Jonathan Rea, pilota del Kawasaki Racing, davanti al padrone di casa Nicky Hayden sulla Honda, che è passato dalla dodicesima alla terza posizione negli ultimi minuti della sessione. 

L’altro pilota del Kawasaki, Tom Sykes, sembra aver risolto i problemi del primo turno e ha concluso in quarta posizione, precedendo il più veloce della mattina, Alex Lowes.
Il nostro Davide Giugliano l’anno scorso qui a Laguna Seca aveva rimediato un brutto infortunio che gli aveva fatto finire in anticipo la stagione, ma ha dichiarato che la pista gli è sempre piaciuta. E infatti non è andato assolutamente male: ha terminato con il sesto miglior crono, ed è seguito dal pilota Althea BMW Jordi Torres. 
 
Lorenzo Savadori, rookie di questa stagione, ha ottenuto l’ottavo tempo con il team IodaRacing, davanti a Xavi Forés del Barni Racing team, nono. Niccolò Canepa, che corre al posto dell'infortunato Sylvain Guintoli, ha portato il Pata Yamaha in decima piazza.
 
Il pilota Honda Michael van der Mark, dopo aver passato gran parte della prima sessione nelle prime posizioni, ha dovuto rinunciare all’ingresso diretto nella Tissot-Superpole2 con l’undicesimo tempo. Alex De Angelis è dodicesimo sulla seconda moto del team IodaRacing e precede la MV Agusta di Leon Camier, Karel Abraham (Milwaukee BMW) e Raffaele De Rosa, che nel team Althea BMW questo fine settimana sostituisce l’infortunato Markus Reiterberger. 
 
L’ingresso alla Tissot-Superpole2 infatti è riservata alla top ten e i due piloti più veloci della Superpole1, che avranno la possibilità di lottare per le posizioni più anticipate in griglia di partenza.