Alex Lowes ha vissuto un'ultima gara della stagione particolarmente difficile: il pilota Yamaha ufficiale si è trovato intrappolato alla prima curva, con uno scontro tra piloti, ed è ripartito dalla ventiquattresima posizione. Ne ha guadagnate cinque, poi è arrivata la bandiera rossa, ed è ripartito da quella casella.

Al secondo start Lowes ha recuperato subito quattro posizioni poi altre tre, prima di trovare il suo ritmo e mettersi all’inseguimento dei piloti che lo precedevano. Al settimo giro l’inglese era undicesimo e ha ottenuto la top 10 all’ultimo giro, terminando così la stagione in dodicesima posizione nella classifica generale.

 “Un weekend deludente per me in termini di risultati, ma onestamente praticamente riassume il mio anno”, afferma Lowes. "Ho avuto un problema con le partenze e questo si è tramutato in un inizio lento. Quest’anno, su questa moto, le partenze erano per me un punto forte quindi è stato un po’ deludente. Essendo partito male mi sono trovato alla curva 1 con van der Mark all’interno e Savadori all’esterno, e non sapevo proprio dove andare, siamo arrivati insieme e sono uscito di pista. Si tratta di un incidente di gara, una di quelle cose che succedono, e ovviamente ho avuto fortuna che la gara è stata interrotta.
"Nella seconda partenza sono riuscito ad arrivare intorno alla decima posizione”, continua Lowes. “Era il miglior ritmo di tutto il fine settimana. È stato un anno davvero deludente nel suo complesso, ma la squadra ha lavorato duramente, è stato bello per loro ottenere il primo podio e anche se i miei risultati non sono stati buoni, penso di aver guidato bene questo week end – non ho fatto errori e ho portato la moto a casa meglio che potevo. Mi sento in forma, nella migliore condizioni fisica di tutto l’anno e non vedo l’ora che arrivino i test invernali, e di aumentare il mio livello nel 2017!”
 
Archiviata la stagione 2016, Lowes ha già iniziato i preparativi per la prossima stagione, sottoponendosi a un intervento chirurgico per "ripulire" la ferita alla spalla che ha rimediato quest’anno nei test invernali. Successivamente il britannico prenderà parte a due test invernali con il team ufficicale Yamaha in vista del round inaugurale della stagione a Phillip Island in Australia a metà febbraio.