Yamaha ha fatto il suo ritorno nel mondiale Superbike quest’anno e ha terminato in quinta posizione nella classifica costruttori. Tuttavia la stagione è stata segnata da varie sfide, per cui è stato difficile lottare sempre per la top 3. Ci è voluto tutto l’anno per ottenere il podio, ma quando Sylvain Guintoli l’ha centrato in Gara1 in Qatar, è stata una vittotia per il nuovo team nella lunga strada del progresso. I
 
“L'anno è stato impegnativo per alcuni aspetti, i piloti hanno rimediato alcuni infortuni e questo ha rallentato il nostro miglioramento”, ha spiegato il team manager Paul Denning a World SBK.com. “Quando la moto ha iniziato ad avere qualche buon progresso, c’è stato il brutto infortunio di Sylvain e Alex si è poi rotto la clavicola e il progetto non è proseguito con lo stesso ritmo. Speravamo di ottenere risultati migliori, questo è chiaro, ma il massimo livello del campionato ora è il livello della MotoGP, per quello che i nostri principali avversari stanno facendo”.
 
La stagione si è conclusa positivamente e Denning è contento delle prestazioni del team.
 
“Dal punto di vista di Yamaha, alla fine del 2011 erano ultimi in campionato con una collaborazione completa con la fabbrica, una moto che è stata sviluppata principalmente in Giappone e una squadra molto stabile, con due piloti davvero buoni”, ha detto Denning. “Ma cinque anni fuori dal Campionato, si tratta di un lungo periodo perché la struttura scompare, la proprietà intellettuale viene sostituita da tutto quello che gli altri stanno facendo e se si guarda a come Kawasaki e Ducati hanno sviluppato la moto in questo Campionato, in particolare a Ducati, tre anni fa nessuno avrebbe pensato a quello che ora sta facendo Chaz. Passo dopo passo lo stesso pilota, gli stessi ingegneri e la stessa struttura hanno avuto successo. In realtà non siamo dov’era la moto tre anni fa, quindi dita incrociate, possiamo raggiungere quel livello più velocemente rispetto a loro e iniziare a sfidare loro e anche le moto verdi”.
 
Alex Lowes rimarrà con il team Pata Yamaha Official e Michael van der Mark si unirà a lui.
 
“Non vediamo l’ora che arrivi il 2017, con molto ottimismo,  ma l’ottimismo va temperato con il realismo di quanto sia duro il campionato e di quando lavoro dobbiamo fare per raggiungere il livello superiore”, ha detto Denning. “Vogliamo vedere entrambe le R1 costantemente nella top 6, spingere verso il podio fin dall’inizio della prossima stagione e l’obiettivo è quello di averli nella top 6 del Campionato. Potrebbe non sembrare un obiettivo molto interessante, ma dobbiamo basarci su dove siamo adesso e per noi sarebbe un significativo passo in avanti in termini di prestazione e costanza”.