Nei test che hanno anticipato di tre giorni il via del primo round stagionale della Superbike, Marco Melandri e la Ducati sono arrivati ad un “soffio” (tre centesimi di secondo) dal campione del mondo Jonathan Rea. Sul circuito australiano di Phillip Island, lo stesso che ospiterà questo week-end la tappa di apertura del 2017, sono andati forte anche gli altri italiani iscritti al campionato.

PASSO AVANTI - Lorenzo Savadori, pilota del Milwaukee Aprilia, ha portato la sua RSV4 RF in settima posizione nella classifica combinata dei tempi, siglando il miglior tempo in 1’31”449. “Abbiamo lavorato sodo e abbiamo potuto provare molte cose diverse con il setup - ha spiegato il romagnolo – sono riuscito a completare molti giri e il test è stato davvero utile. Bisogna però ancora migliorare le prestazioni per il week end di gara. Abbiamo fatto alcuni piccoli miglioramenti ma è necessario fare un grande passo in avanti”. 

RECORD - Anche Alex De Angelis ha iniziato molto bene il lavoro con il team Pedercini. Nella prima giornata, il pilota di San Marino ha centrato il settimo posto in 1’31”794 (nuovo record del team sulla pista australiana) ed ha chiuso undicesimo nella classifica combinata dei tempi dei due giorni. “E’ andata molto bene sia sul bagnato che sull’asciutto - ha commentato Alex De Angelis – nel secondo giorno abbiamo fatto subito un ottimo tempo, che migliora il mio personale e quello del team Pedercini in questa pista. Purtroppo nel pomeriggio causa sostituzione del motore siamo riusciti a fare solo 5 giri. Tuttavia il feeling è buono e sono molto contento di come ci stiamo comportando”. Al via ci saranno anche Ayrton Badovini con la Kawasaki del Grillini Racing Team e il debuttante Riccardo Russo, in sella alla Yamaha del Team Guandalini.