Erano molto legati Nicky e il fratello maggiore Tommy. Suo “consigliere” personale, è stato il primo dei familiari a giungere a Cesena per assistere in ospedale l’ex-campione del mondo della MotoGp.
“A nome di tutta la famiglia Hayden e la fidanzata di Nicky, Jackie,  vorrei ringraziare tutti per i loro messaggi di sostegno – dichiara Tommy in una nota diffusa dal Red Bull Honda Team - è stato un grande conforto per tutti noi sapere che Nicky ha toccato la vita di così tante persone in modo così positivo”.

SOGNO REALIZZATO - Il fratello ha voluto ricordare Nicky e il suo sogno più grande, realizzatosi nel 2006 al termine di una epica battaglia con Valentino Rossi nella MotoGP. “Anche se questo è ovviamente un momento triste, vorremmo ricordare a tutti il Nicky più felice, quello in sella a una moto. Sognava sin da bambino di essere un pilota professionista e non solo ha raggiunto l’obiettivo ma è anche riuscito a raggiungere l'apice del suo sport preferito, diventando campione del mondo. Siamo tutti orgogliosi di questo”.

RINGRAZIAMENTI - A nome della famiglia, Tommy ci tiene anche a ricordare il Nicky privato e a ringraziare medici e infermieri dell’ospedale Bufalini di Cesena per il supporto e la grande disponibilità mostrata in questi terribili giorni. “A parte questi ricordi 'pubblici', avremo anche molti ricordi grandi e felici di Nicky a casa in Kentucky, nel cuore della famiglia. Mancherà terribilmente a tutti noi. E’ importante per noi ringraziare tutto il personale dell'ospedale per l’incredibile sostegno. Sono stati molto gentili. Con l'ulteriore sostegno delle autorità, nei prossimi giorni speriamo di avere Nicky a casa“.