“E’ stata una giornata molto impegnativa per noi perché, a differenza dei nostri piani originali, ero l’unico pilota a disposizione per il team", dice Davide Giugliano, che è tornato in sella alla Honda Superbike  per svolgere un test a Portimao in vista dell’undicesimo round del mondiale. Il romano ha siglato 60 giri ed è chiaro che voglia migliorare il proprio ritmo in vista della gara a Magny-Cours.

IL RITORNO - Davide Giugliano aveva guidato per lo stesso team in Germania, dove aveva vissuto però un fine settimana complicato, senza andare a punti nel suo debutto sulla CBR1000RR Fireblade SP2.
Nel test svolto in Portogallo ha lavorato sull’elettronica e ha perfezionato il feeling con la moto.
"In passato ho corso su questa pista, ma mai con la Fireblade, quindi ho passato la prima parte del test ad abituarmi su questa pista e per verificare che tutto andasse bene", spiega Davide Giugliano.
"Abbiamo provato cose diverse – soprattutto sull’elettronica - con alcuni risultati interessanti.  È bello tornare in moto e questo è stato sicuramente un buon modo per prepararmi in vista di Magny-Cours”, conclude Giugliano.