La vittoria di Gara 2 di Rea ha un significato ben preciso: mondiale costruttori per la Kawasaki. Il nordirlandese a fine gara sorride: «Il week end non è stato semplice, perché la moto non era perfetta. Anche in gara 2 ho sofferto molto in alcune curve ma in altre andato alla grande. Spero che i tifosi che erano qui in Argentina si siano divertiti, gli do appuntamento al prossimo anno, mentre noi ci vediamo in Qatar. Adesso è il momento di festeggiare con il mio team».

C'è anche una Ducati sul podio, ma è quella di Chaz Davies, che aveva saltato Gara 1 per protesta viste le condizioni dell'asfalto, giudicate da lui e altri piloti, poco sicure: «Non sapevo cosa aspettarmi in pista perché abbiamo cambiato davvero tanto. Non ho fatto una buona partenza e mi sono ritrovato in mezzo al gruppo, ma avevo un grande passo cosi mi sono riavvicinato a Rea ma alla fine il grip non era buono, ma sono davvero felice per questo podio. E' stato il week end con belle performance».

Terzo, per la terza volta in questo fine settimana, il giovane turco Razgatlioglu: «Sono felice per i tre podi. Abbiamo cercato il set up per tutto il fine settimana, alla fine avevo la gomma distrutta. Sono sempre più vicino alla terza posizione nella classifica del Mondiale, ormai è quello il mio obiettivo, ci vediamo  in Qatar».