Jonathan Rea sta siglando un finale di stagione alla grande: nonostante abbia già conquistato con netto anticipo il titolo mondiale anche quest’anno, il nordirlandese della Kawasaki non smette di puntare in alto e oggi si è aggiudicato la vittoria numero 16 della stagione conquistando l’ultima Tissot Superpole Race del mondiale Superbike 2019.

La gara è scattata quando il sole ha iniziato a tramontare e la lotta per il terzo posto in classifica si è subito infiammata. Jonathan Rea e la sua Kawasaki però hanno preso il largo nelle prime battute e hanno aumentato il vantaggio sugli inseguitori. 

Prima del via Toprak Razgatlioglu è stato vittima di problemi tecnici nel corso del giro di warmup. È rientrato ai box ma non ha ripreso la via della pista, abbandonando definitivamente le ultime speranze di conquistare il terzo posto nella classifica finale, ora ristrette a Alex Lowes e Michael van der Mark. 

LA GARA - Rea ha siglato un’ottima partenza ed è andato in testa alla curva 1, con Alex Lowes alle sue spalle seguito da Leon Haslam. Ottimo start anche per Alvaro Bautista, scattato dalla terza fila e risalito in quarta posizione sulla sua Ducati davanti alla Yamaha di Michael van der Mark.

Nel secondo giro Bautista ha superato Haslam sul rettilineo e poi è andato a sorpassare anche Lowes alla curva 12. Bautista ha conquistato la seconda piazza ma non è riuscito a riprendere Rea.  

La bagarre per il terzo gradino del podio ha visto protagonista Leon Haslam che ha insidiato a lungo Alex Lowes, ovvero proprio il pilota che prenderà il suo posto nel team Kawasaki ufficiale nella prossima stagione ma alla fine Haslam ha dovuto accontentarsi della quarta piazza, davanti a Chaz Davies, bravo a superare Van der Mark sul rettilineo finale a quattro giri dalla fine. Van der Mark ha concluso quinto, difendendosi sul finale anche dalla rimonta di ottimo Loris Baz, primo degli indipendenti sulla Yamaha di Ten Kate.

Il francese aprirà la terza fila in gara2 davanti a Sandro Cortese ed Eugene Laverty che ha chiuso la zona punti dopo una bella bagarre con Marco Melandri e Leandro Mercado, undicesimo. Fuori zona punti Alessandro Delbianco, mentre Michael Rinaldi si è ritirato a cinque giri dalla fine.

Qui la classifica della Superpole Race.