I piloti e i team del mondiale Superbike si spostano nel sud della Spagna: dopo Aragon, hanno raggiunto Jerez per altre prove in programma per giovedì e venerdì . In pista ci saranno debuttanti molto motivati, numerosi campioni e squadre: l’appuntamento di Jerez, infatti, è molto importante prima dell'inizio ufficiale della nuova stagione iridata per le derivate di serie.

DUCATI LEADER – Dopo aver comandato i test al MotorLand Aragon (leggi qui), Scott Redding è atteso alla riprova a Jerez.  Redding sta iniziando ad acquisire tutte le informazioni sulla sua nuova Ducati e su una pista che conosce bene di sicuro vorrà continuare nel migliore dei modi l’avvicinamento al 2020. Dall’altra parte del box, l’iridato in Supersport nel 2011, Chaz Davies ha l’obiettivo di continuare a lavorare sui freni e sullo stile di guida. 

KAWASAKI ALL’ATTACCO - Jonathan Rea è stato protagonista di un’ottima prima giornata ad Aragon, poi ha deciso di non scendere in pista il giorno dopo visto il maltempo. Ora però Rea è pronto per sfidare di nuovo il cronometro: il cinque volte iridato in Superbike punterà a perfezionarsi,come sempre. Il suo nuovo compagno di squadra nel 2020 Alex Lowes arriva a Jerez dopo il terzo posto ottenuto nella giornata finale di test al MotorLand.

YAMAHA PUNTA IN ALTO – Il team Yamaha sfrutterà i test di Jerez rappresenta un’altra importante opportunità per compiere passi avanti in vista del 2020. Ad Aragon il più veloce sulla Yamaha è stato Toprak Razgatlioglu che ora è deciso a continuare sul percorso intrapreso. Michael van der Mark di sicuro non vorrà stare ancora una volta dietro al suo compagno di squadra. A Jerez entrambi debutteranno sulla Yamaha YZF R1 2020: la sfida è ad armi pari.

PRIMI TEST PER BMW – Ai test di Jerez ci sarà anche il Team BMW – assente a Aragon -  con il confermato Tom Sykes insieme alla novità Eugene Laverty. Il campione del mondo del 2013 ha ottenuto ben quattro podi e una pole position nel 2019 e di certo si preparerà per puntare ancora alle prime posizioni. Eugene Laverty dovrà dimostrare di adattarsi velocemente alla BMW, per costruire subito una buona base per il 2020.

GLI INDIPENDENTI - La squadra indipendente più veloce ad Aragon è stata quella del GRT Yamaha Junior Team. Pur essendo al debutto sulle piste europee, Garrett Gerloff ha concluso davanti al suo compagno di squadra Federico Caricasulo e di certo continuerà a lavorare per adattarsi sempre di più alla moto e agli pneumatici Pirelli. Il vicecampione del mondo della Supersport, invece, nel 2019 ha vinto a Jerez e chissà che il feeling con il circuito non lo aiuti anche a velocizzare il suo feeling anche con la Yamaha Superbike.

A Jerez si prepara a scendere in pista anche il Barni Racing Tean con Michele Pirro e non con Leon Camier, infortunato dopo la caduta ad Aragon (leggi qui).

Ten Kate Racing – Yamaha schiererà il francese Loris Baz. Occhi puntati anche sul team Kawasaki Puccetti Racing che punta su Xavi Fores per il 2020 e che torna a far parte della classe regina delle derivate di serie.

Oggi pomeriggio Toprak Razgatlioglu è andato in visita al box Puccetti e ha incontrato anche il suo sostituto Fores (nella foto). Il Team Pedercini Racing sarà presente invece con Jordi Torres e Lorenzo Savadori.

LA SUPERSPORT - Il team Kawasaki parteciperà anche al mondiale Supersport con il debuttante in categoria Philipp Öettl mentre il campione del mondo in carica Randy Krummenacher farà il suo debutto con la MV Agusta ufficiale. Il Team Pedercini non sarà in pista per i test della classe intermedia.

Andrea Locatelli, portacolori del team Bardahl Evan Bros, è al debutto nel mondiale Supersport (leggi qui). Kallio Racing schiererà Isaac Viñales e il nuovo arrivato Hannes Soomer (leggi qui).

Anche il team Toth by RPM84 Yamaha sarà a Jerez con Loris Cresson.

Il nuovo Turkish Racing Team testerà per la prima volta una pista del mondiale Supersport con Can Öncü, mentre l’EAB Ten Kate Racing Team conta su Steven Odendaal.

Occhi puntati anche su Ana Carrasco che avrà l’opportunità di guidare la ZX-10 RR di Jonathan Rea: avrebbe dovuto farlo ad Aragon ma il meteo glielo aveva impedito (leggi qui).