La stagione 2020 del team Pedercini in Superbike potrebbe essere a rischio, per i problemi con la giustizia del main sponsor, la Global Service Solution. A questo punto, il futuro si annebbia anche per Lorenzo Savadori, che quest’anno avrebbe dovuto fare il suo rientro nel mondiale Superbike proprio con il team gestito da Lucio Pedercini.  

“Di fatto i rumors sono giusti: io ad oggi ho contratto con il team però c’è un problema di budget e quindi è tutto a rischio”, ha confermato Lorenzo Savadori al nostro collega Mirko Colombi.

Savadori: “La Ninja? Devo imparare da Rea”

I rumors parlano anche di un possibile accasamento del veloce pilota di Cesena con il team Barni oppure con il team Althea. Siamo andati direttamente alla fonte, e abbiamo intervistato i team owner delle rispettive squadre: Marco Barnabò e Genesio Bevilacqua.

Barni non ha il budget

Marco Barnabò ha smentito che ci sia un accordo con Savadori sulla prossima stagione.

“Fausto Gresini spinge per fare questa cosa ma io il pilota ce l’ho già ed è Camier”, risponde Barnabò senza mezzi termini. “Adesso si è fatto male ma sarà pronto per l’Australia. Non riesco a trovare lo spazio per Lorenzo: non sono organizzato per fare due moto e a parte il fattore organizzazione la cosa fondamentale è il budget. Facciamo fatica a fare una moto, figuriamoci due.

“Spero che la situazione da Pedercini si risolva, io la vedo veramente difficile aiutare Savadori, anche perché domani partiamo già per i test", continua Barnabò.

Se avessi voluto un altro pilota al posto di Camier lo avrei scelto prima”, incalza. “E’ chiaro, se Camier non potesse più correre per problemi fisici cercherei il sostituto, ma l’operazione è andata bene, salterà i test di Jerez ma farà quelli di Portimao e per l’Australia dovrebbe essere a posto. Purtroppo hanno deciso di fare tardi l’operazione, e quindi le cose si sono allungate, altrimenti avrebbe fatto i test già a Jerez”.

A proposito chi porti ai test?

“Michele Pirro e forse qualcun altro: un giovane pilota italiano con il quale ho un debito”.

Che debito?

“Volevo fare qualcosa di più con lui che non ho avuto la possibilità di fare”.

Allora, è un tuo pilota, giovane, italiano… stai parlando Samuele Cavalieri?

“Eh ma se ti dico il nome non vale… non posso ancora svelarlo” dice Bernabò, che però non smentisce.

Genesio possibilista

Anche Genesio Bevilacqua smentisce i rumors ma ci sembra un po' più aperto alla possibilità di avere Savadori in squadra. “Tutti parlano ma sono pochi quelli che sentono la mia voce e apprezzo molto il fatto che mi abbiate chiamato”, ci dice il team principal di Althea. “Con Lorenzo da sempre abbiamo contatti, ogni anno sembra quello buono per partecipare a qualcosa. Anche quest’anno abbiamo fatto due chiacchiere, ma ora il campionato è imminente e non c’è niente di concreto”.

Dunque avete fatto solo qualche parola?

“La giostra dei piloti comincia adesso già per il 2021. Lorenzo è uno di che sarebbe stato più candidato di altri per prendere una sella. Ma non possiamo dire che c’è stata una trattativa ma non abbiamo concluso niente, abbiamo soltanto parlato”.

Ma adesso se Savadori rimanesse a piedi, la possibilità di correre con te ci sarebbe?

“La scelta dei piloti non dipende soltanto da me, ma anche da Honda, ma adesso se ci fosse ancora un posto, è chiaro che io lo candiderei”, conclude Genesio Bevilacqua.