È proprio bello il team Puccetti, perché ogni appartenente allo staff sorride e si vede che non sia mera recita. La squadra di Manuel è sempre più numerosa, infatti, il palco del Motor Bike Expo risultava quasi quasi strettino.

Per forza, direte voi: c’erano almeno 50 persone e ben quattro moto! Bè, cinquanta no, ma quasi. E le moto, sì, erano quattro. Una Ninja ZX-10RR consegnata da poco a Xavi Fores: “Sono felice di tornare in SBK, specialmente perché lo faccio con il team Puccetti” ha detto lo spagnolo, che già pregusta i primi test prestagionali. Tre 600, le ZX-6R, con cui Lucas Mahias, Philipp Oettl e Can Oncu si misureranno nella giungla insidiosa della Supersport. Ognuno di loro potrà far bene e, tradotto in soldoni, significa vincere il titolo.

Mahias ed Oettl iniziano il 2020 da Valencia

Manuel, che se la cava benone anche nelle vesti di presentatore, ha ringraziato e salutato tutti: “Ogni volta dico che dovremmo ridurre l’organico - ha scherzato - invece, siamo sempre più numerosi. Meglio così, vuol dire che il progetto cresce. Nel 2020 vogliamo fare bene, anzi, anche meglio degli altri anni”.

Giusto il tempo di congedarsi e poi ripartire: le prove di Portimao sono dietro l’angolo e poi, tutti in Australia: da Phillip Island la stagione del team Puccetti avrà veramente una nuova alba.