Lucio Pedercini ha passato quello che si usa chiamare ‘un brutto quarto d’ora’, e che in realtà è durato quasi un mese: mancava infatti poco a Natale quando è arrivata come un fulmine a ciel sereno la notizia che il suo main-sponsor lo avrebbe abbandonato.

Dopo una carriera da pilota, iniziata trent’anni fa, da oltre un ventennio Lucio Pedercini ha costituito con la sua famiglia un team, che gode di elevata stima e rispetto nel paddock. Proprio grazie alla sua serietà e affidabilità, il mantovano è riuscito a ripartire.

Ce lo aveva detto già nei giorni scorsi al Motor Bike Expo di Verona, che era fiducioso nel riuscire ad essere presente al mondiale Superbike anche quest’anno, nonostante tutto. Ma non aveva ancora nessuna certezza: quella era una confidenza che ci ha fatto perché ci conosciamo da quando correva nella Sport Production. A conferma della sua serietà, ci aveva chiesto di aspettare a scrivere. Cosa che abbiamo fatto. Adesso, dopo frenetici giorni di trattative, Lucio Pedercini può ufficialmente annunciare che sarà regolarmente al via nella classe Superbike a Phillip Island.

“La stagione scatterà per noi dall’Australia il 28 febbraio, ma prima potremo fare due giorni di test sul circuito di Phillip Island, il 24 e 25 febbraio per recuperare il tempo perduto”, annuncia Lucio Pedercini.

“Stiamo valutando con uno staff di esperti professionisti da me incaricato, tutti i dettagli organizzativi e dagli incontri fatti, posso affermare di essere fiducioso per il 2020, sia in termini di organizzazione, che di competitività del team, che tornerà a vestire la livrea nero verde tipica dei team Kawasaki.

“Ringrazio tutti coloro che sono stati e sono vicino al Team in questo momento, e l’organizzatore che ha compreso il momento che ci siamo messi alle spalle, nostro malgrado, pronti a ripartire più forti di prima.

“Non appena definiti gli ultimi dettagli annunceremo la formazione e i nuovi sponsor che accompagneranno nel prossimo campionato il Team Pedercini Racing che nel 2020 debutterà con l’acronimo TPR Team Pedercini Racing”, conclude Pedercini.

Qualcosa ci dice che il pilota sarà Jordi Torres, ma in questo senso di ufficiale non c'è ancora niente.

SBK: la stagione di Savadori a rischio