Tati Mercado ed il team Motocorsa rappresentano una delle novità più attese dal 2020 targato SBK, perché l’argentino è un pilota giovane ed allo stesso tempo maturo, la squadra lombarda promettente e ben preparata allo sbarco mondiale.

Vista in azione a Jerez, la compagine capitanata da Lorenzo Mauri si è contraddistinta per impegno e metodo di lavoro: malgrado pioggia e freddo, sono stati numerosi i giri completati dal numero 36 che, una volta rientrato nel garage, forniva feedback ai meccanici e questi intervenivano prontamente.

La Panigale V4 R allestita per Tati aveva dediche particolari. Dall’impianto di scarico Termignoni, alla leva del freno posteriore azionata dal dito indice, sino al comando del gas rapido della Domino, più pratico e meno pesante dell’unità originale.

Oltre ad una frizione STM ed altri dettagli di pregio, che impreziosiscono la Ducati Motocorsa, piaciuta molto a Mercado: “Mi è sembrato di tornare in famiglia - ha detto il pilota della Terra del Fuoco - sia parlando del collegamento con Ducati, sia parlando della moto. La Panigale V4 R mi ricorda tanto la bicilindrica con cui ho già gareggiato, le sensazioni vissute in sella erano davvero simili. Ovviamente, per capirne limiti e potenziale, mi occorrerà del tempo. Per ora posso dire che la moto è rigida, potente e sensibile alle modifiche. Oltretutto, la V4 R avverte ogni movimento in sella, ecco perché il tutto va compreso accumulando chilometri”.

Sei soddisfatto di quanto fatto sinora?

“Molto. Anche parlando della squadra: ho trovato grande professionalità nel team Motocorsa, il gruppo è bello, il metodo di lavoro è ottimo. Penso che possiamo fare bene insieme, io mi sento pronto. Fisicamente sono al meglio, mi alleno tutti i giorni e la squadra si impegna in officina. Faremo un altro test, poi penseremo al Jerez, il nostro debutto ufficiale”.

Come sarà la SBK 2020?

“Secondo me il livello si è alzato, nuovamente. Per me la stagione 2020 sarà la più competitiva di sempre, i piloti sono tutti forti, il livello tecnico cresce, è arrivata Honda... Sì, il mondiale SBK di quest’anno è il migliore degli ultimi anni, non vedo l’ora di partire e misurarmi con gli avversari”.

Alla soddisfazione del pilota, si aggiunge quella del team manager. Lorenzo Mauri, ex ottimo pilota e da tempo timoniere Motocorsa: “Sono molto contento, a Jerez abbiamo proposto l’assetto base usato da Cavalieri e Zanetti nelle gare 2019, Tati si è trovato subito a suo agio in condizioni di bagnato. A Portimao non siamo risultati velocissimi, con un distacco superiore di un secondo e sei decimi dal miglior tempo. Tuttavia, tirando le somme e dopo aver analizzato i dati, sono sicuro che a Jerez progrediremo, con un nuovo assetto da provare”.

Che pilota è Mercado?

“Leandro è un ragazzo molto veloce e tecnico: queste caratteristiche mi piacciono davvero, poiché consentono un metodo di lavoro completo. Stiamo completando la preparazione dei motori, la grafica delle carene e attendendo la tuta di Tati. Nei prossimi test del 13 e 14 marzo all’Angel Nieto faremo le foto tutti insieme ed il team Motocorsa sarà pronto alla sfida 2020”.

Redding: “La Ducati V4 S? È come la mia SBK”