Scott Redding ci ha preso gusto: dopo aver firmato il miglior tempo nelle due sessioni di prove del venerdì, il ducatista si è ripetuto nelle FP3, strappando la vetta a Michael van der Marc, grazie a un 1’29”896 stampato nel suo ultimo passaggio.

Non è riuscito ad andare più in là del terzo tempo il campione in carica Jonathan Rea, che al termine del venerdì aveva ammesso di aver perso il feeling con la ZX-10RR trovato nei test. Quinta, a quasi sei decimi da Redding, l’altra Kawasaki affidata ad Alex Lowes, separato dal compagno di squadra dalla R1 dell’arrembante Loris Baz.

La Yamaha trova poi la sesta piazza con Toprak Razgatlioglu, che precede Tom Sykes, Xavi Fores e l’altra BMW di Eugene Laverty. Completa la Top 10 Sandro Cortese, che chiude davanti a un Chaz Davies che non sembra ancora al massimo.

Ma continua a faticare anche Alvaro Bautista. Lo spagnolo non è ancora a suo agio in sella alla Fireblade, e insieme a Takahashi e al compagno di squadra Leon Haslam - incappato in una caduta nel suo terzo giro – è stato l’unico a non riuscire a migliorarsi, in questa sessione coperta ma asciutta, chiudendo in 12esima piazza.

I problemi fisici hanno invece costretto alla resa Leon Camier. Il britannico del team Barni ci ha provato, ma non ha la forza e la resistenza necessarie nella spalla infortunata e, dopo aver disputato le libere di ieri, è stato dichiarato unfit e dovrà rinunciare al resto del weekend.

La classifica


1) REDDING, Ducati - 1'29''896
2) VAN DER MARK, Yamaha - 1'30''025
3) REA, Kawasaki - 1'30''286
4) BAZ, Yamaha - 1'30''473
5) LOWES. Kawasaki - 1'30''484
6) RAZGATLIOGLU, Yamaha - 1'30''518
7) SYKES, BMW - 1'30''768
8) FORES, Kawasaki - 1'30''796
9) LAVERTY, BMW - 1'30''882
10) CORTESE, Kawasaki - 1'31''025
11) DAVIES, Ducati - 1'31''146
12) BAUTISTA, Honda - 1'31''232
13) GERLOFF, Yamaha - 1'31''400
14) CARICASULO, Yamaha - 1'31''422
15) RINALDI, Ducati - 1'31''628
16) SCHEIB, Kawasaki - 1'31''945
17) TAKAHASHI, Honda - 1'35''042
18) HASLAM, Honda - 1'35''080
19) CAMIER, Ducati - NO TIME