Dopo il primo - e unico round del mondiale Superbike - Jonathan Rea è "soltanto" quarto. Un risultato che non può stargli bene: il nordirlandese è abituato a vincere, a stare davanti, in gara e nelle classifiche. Ma l’Australia non gli ha portato benissimo: dopo la caduta in Gara 1 si è riscattato con la vittoria nella Superpole Race, ma in Gara 2 ha perso il confronto con il nuovo arrivato in squadra Alex Lowes e ha chiuso secondo.

Vincere è un'ossessione


Questa posizione in classifica iridata, però, lo sta motivando ad allenarsi più duramente durante il lockdown del coronavirus. A dichiararlo è lo stesso Jonathan Rea, che è intervenuto nel programma Sportsound Extra Time della BBC Radio Ulster.

"Cerco sempre di più, è un po' un'ossessione", ha detto Rea. "Essere indietro nel campionato è buono in un certo senso perché mantiene la motivazione molto alta. Quando torni, vuoi essere davvero forte... La paura di non vincere ti spinge", aggiunge Rea.

Tanto allenamento, e ora Rea si sente pronto per ripartire. “Non sono mai stato in forma migliore perché ho tanto tempo per allenarmi e recuperare”, dice il nordirlandese della Kawasaki.

Una stagione di 7 round


Jonathan Rea ha anticipato anche che il campionato 2020 potrebbe disputarsi su un numero ridotto di gare.

Non è ancora stato deciso niente, ma abbiamo programmato provvisoriamente di ripartire i primi di agosto",  ha aggiunto. "Dobbiamo solo seguire l'evoluzione di questo virus in tutto il mondo, considerando he il nostro campionato si tiene in diversi Paesi.

“Da un campionato di 13 round stanno cercando di provare a correrne sette quest'anno, probabilmente in Spagna, Portogallo e Italia", annuncia Rea.

Le gare in bicicletta


Nel frattempo, il pentairidato si diverte a sfidare gli amici alle gare di ciclismo virtuale.

"Sono un po' dipendente da questo ciclismo virtuale online, perché posso giocare con molti amici in tutto il mondo. Possiamo partecipare anche a gare di gruppo e recentemente abbiamo fatto una gara di 100 km. Andare in bici per un paio d'ore è un ottimo modo per rilasciare endorfine. Scendo dalla sella stanco, ma sempre con il sorriso”.

Rea, infine, ha dichiarato che sta apprezzando il periodo che trascorre a casa, ma le gare gli mancano.

"È anche bello trascorrere del tempo con mia moglie e i miei figli, e mi piace cucinare. L'anno scorso ho trascorso circa 100 notti lontano dalla mia famiglia e passare il tempo nelle stanze degli hotel da solo e negli aeroporti non è così glamour come la gente potrebbe pensare.

"Mi fa piacere passare il tempo a casa e metterlo a frutto, ma mi manca anche il rumore delle corse e l'ambiente competitivo a cui sono abituato”, ha concluso Rea.

Andorra come Misano: via ai test per i piloti di MotoGP e SBK