Il mondiale Superbike punta a ripartire il prima possibile e la Federazione Motociclistica Internazionale insieme a Dorna WSBK stanno lavorando alacremente per riprendere la stagione delle gare bruscamente interrotta dopo il primo round a Phillip Island per via della pandemia di Coronavirus.

Dopo l’annuncio della cancellazione degli appuntamenti a Oschersleben e a Imola, da FIM e Dorna WSBK arriva un aggiornamento ufficiale sui piani per riprendere le competizioni.
 

La ripartenza da Jerez


Il Circuito de Jerez - Angel Nieto dovrebbe dare il benvenuto al riavvio della stagione dal 31 luglio al 2 agosto. Poi il circus del mondiale Superbike dovrebbe spostarsi all'Autodromo Internacional do Algarve in Portogallo una settimana dopo, dal 7 al 9 agosto. La stagione dovrebbe quindi seguire l’attuale programma provvisorio, con il terzo round al MotorLand Aragon dal 28 al 30 agosto.

La salute di tutti è in prima linea nel processo decisionale e si prevede che questi round all'interno della penisola iberica si terranno a porte chiuse, in linea con le misure di allontanamento sociale e le linee guida mediche stabilite dai governi spagnolo e portoghese”, annuncia la Federazione Motociclistica Internazionale. “Tuttavia, la situazione si sta evolvendo e adatteremo i nostri protocolli alla situazione del momento”, precisa la FIM.

Donington e Assen rimandati


Intanto, i round britannici e olandesi, previsti rispettivamente a Donington Park e TT Circuit Assen, sono stati rinviati. Il round olandese è già stato riprogrammato una volta, dal 17-19 aprile al 21-23 agosto, ma sono in corso nuovi piani, viste le attuali restrizioni in atto che riguardano i principali eventi sportivi sia nel Regno Unito che nei Paesi Bassi.  

FIM e Dorna WSBK tengono a sottolineare che “stanno valutando i diversi scenari, adattandosi giorno per giorno alla situazione in ciascuno dei Paesi nei quali dovremo recarci, con la salute e la sicurezza in prima linea".

Lavilla è ottimista

 “Siamo molto positivi riguardo al futuro, poiché tutti i segnali indicano una buona direzione per iniziare Jerez”, ha commentato Gregorio Lavilla, direttore esecutivo del WorldSBK, dipartimenti dello sport e dell'organizzazione.

“Stiamo esaminando tutti gli scenari possibili per tutte e tre le classi in gara. Molto dipenderà dalle misure che vari governi implementeranno. Per quanto riguarda Donington Park e Assen, stiamo lavorando con i circuiti e i governi per trovare la miglior soluzione possibile per tutti, con l'intenzione di organizzare questi round verso la fine della stagione 2020”, ha concluso Lavilla.

Il futuro di Petrucci in SBK: il paddock la pensa così