Prima che la stagione 2020 della Superbike possa ricominciare, Kawasaki e Jonathan Rea hanno deciso di estendere la loro collaborazione per vari anni in futuro. Infatti le due parti hanno siglato un contratto pluriennale di cui non è stata specificata la durata, con la volontà di continuare a scrivere nuove pagine di storia della Superbike e del motociclismo, come fatto finora. Infatti il nord-irlandese, da quando ha sposato il progetto della casa di Akashi, non ha più smesso di vincere e oggi vanta cinque titoli iridati consecutivi che l’hanno trasformato nel pilota più vincente di sempre in Superbike.

La parola a Rea


Sono molto felice di aver firmato un nuovo contratto con Kawasaki e il Kawasaki Racing Team” ha dichiarato il nord-irlandese. “Ciò che abbiamo ottenuto insieme è incredibile. Il nostro successo è guidato da un grande team e ovviamente dalla base del progetto: la nostra Ninja ZX-10RR. Continuerò a lavorare sodo, insieme al mio team e agli ingegneri per essere nelle migliori condizioni in ogni singola gara. Questo periodo lontano dalle corse ha riacceso il forte desiderio di continuare a vincere e continuare a migliorare le mie capacità e il pacchetto della nostra moto. Le corse non si fermano mai e tutti i piloti e i produttori continuano a migliorare - dobbiamo fare lo stesso. Ora possiamo concentrarci completamente sulla nostra stagione 2020 del WorldSBK dove le corse riprenderanno presto. Voglio ringraziare Kawasaki, il team e tutti i miei sponsor per il loro continuo supporto e questa grande opportunità”.

Il team manager


Alle dichiarazioni di Rea fanno eco quelle del team manager Guim Roda, che ha aggiunto: “Tutti nel team sono contenti che Jonathan sarà di nuovo con noi. Tutti i soggetti coinvolti comprendono che si tratta di un progetto a lungo termine e che continuità e successo vanno di pari passo. Come pilota Jonathan ha incredibili talenti molto rari. Averlo con noi ci dà sicuramente la possibilità di scrivere ancora la storia delle corse”.

Lowes: “Rea è il miglior compagno che possa desiderare”