È stato reso ufficiale il nuovo calendario della Superbike 2020. Dopo che è stato disputato il primo round della stagione sulla pista di Phillip Island, in Australia, a fine febbraio, e dopo aver affrontato il lockdown a causa della pandemia Covid-19, i piloti torneranno finalmente in pista a fine luglio per disputare il secondo appuntamento stagionale a Jerez dal 31 luglio al 2 agosto.

SBK, Bautista preoccupato: "La pausa ci svantaggerà"

Svolgimento


Dalla Spagna poi si viaggerà in Portogallo: subito dopo si terrà infatti il round a Portimao, dal 7 al 9 agosto, e a fine mese si terrà poi una tripletta spagnola con due gare sul circuito di Aragon e una a Barcellona, in Catalogna. L’ultima tappa al momento prevista è quella sul circuito di Magny-Cours, in programma dal 2 al 4 ottobre.

In forse


A questi sei round potrebbero aggiungersene però altri due. Dorna sta lavorando affinché dal 9 all’11 ottobre si possa correre in Argentina e la stagione si possa concludere a Misano con la tappa dal 6 all’8 novembre. Inoltre, il lavoro sta proseguendo dietro le quinte perché si possano aggiungere anche i round di Gran Bretagna, Olanda e Qatar, ma in merito a questi non si hanno ancora date precise.

Positività

Gregorio Lavilla, Direttore esecutivo delle Aree Sporting & Organization del WorldSBK, afferma: “Il nuovo calendario del WorldSBK 2020 è una notizia estremamente positiva. Abbiamo un calendario; abbiamo un Campionato e ci attende un grande ritorno in pista. Non riesco a ringraziare abbastanza tutti per la collaborazione che hanno dimostrato. È giusto ripartire dalla Spagna dati i problemi che il Paese ha dovuto affrontare nel corso della pandemia. Portimao verrà dopo Jerez e poi a chiudere il mese sarà il MotorLand Aragon: un grande ritorno alla normalità per tutti”.

SBK, Rea e Kawasaki: clamoroso rinnovo pluriennale