Con la tre giorni di test a Misano si sono riaccesi i motori per i big della Superbike, che tra poco più di un mese torneranno in pista per il secondo appuntamento di questa stagione travagliata.

Osservato speciale al Misano World Circuit Marco Simoncelli è Chaz Davies, che vede in bilico la sua permanenza in seno al team Aruba.it Racing Ducati. Con Miller che il prossimo anno farà parte della squadra ufficiale di Borgo Panigale in MotoGP, infatti, quella di Danilo Petrucci in SBK è un’ombra che si staglia pesante sul futuro del gallese, la cui sorte è legata alle scelte del più giovane degli Espargarò, che andando in Honda potrebbe far spazio al ternano in KTM.

Con le pedine della MotoGP ancora in attesa di essere collocate sullo scacchiere 2021, ogni uscita con la Panigale V4 diventa cruciale per il gallese in scadenza di contratto, chiamato a riscattarsi dopo un 2019 in cui è stato messo in ombra dal compagno di box, Alvaro Bautista, e un 2020 iniziato con l’opaco round di Phillip Island.

Lo Shakedown con la Panigale V4


 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Music is back! Starring Ducati Panigale V4 R @aruba.it_racing I #WorldSBK @reddingpower I @chazdavies7 #ForzaDucati | @ducaticorse

Un post condiviso da Aruba.it Racing - Ducati (@aruba.it_racing) in data:

Solo pochi giri per Davies nel Day 1 di Misano, ma il #7 si è detto molto soddisfatto della sua prima presa di contatto con la Rossa, dopo la lunga astinenza.

“È fantastico essere tornato in moto e anche rientrare nel garage e vedere tutta la squadra. Sono tutti molto felici di essere tornati” ha detto Chaz al termine della prima giornata di collaudi.

“I primi giri sono stati un po’ strani, mi sembrava di essere un pesce fuor d’acqua, è stato stano, ma penso dipenda probabilmente anche dal fatto che l’asfalto è nuovo e i riferimenti sono completamente diversi dallo scorso anno - ha continuato il gallese -. Anche se sono stato lontano dalla moto per oltre tre mesi penso che il modo migliore per riabituarmici sia in circuito e domani avremo una buona occasione per guidare tutto il giorno, lavorare su me stesso, ritrovare la velocità e lavorare ancora un pochino sulla moto. Ma complessivamente sono felice di essere tornato in sella, riprovare la sensazione ed essere qui”.

Chaz sa di avere tutto da dimostrare per meritarsi la riconferma e da domani comincerà a fare sul serio, per arrivare pronto a Jerez della Frontera.

Test Misano, Redding: “Serve qualche giro in più per capire le nuove parti”