La prima giornata di test per i piloti del mondiale Superbike a Montmelò va in archivio con il miglior crono di Scott Redding davanti al pentairidato Jonathan Rea, che con la sua Kawasaki era stato al comando fino agli ultimi minuti.

Nei box della Rossa, dunque, si fanno già strategie nei confronti della rivale più pericolosa: la Verdona che da cinque anni consecutivi conquista il titolo mondiale con Jonathan Rea. Il nordirlandese, leader anche della mattina, era fermo da una decina di minuti quando Redding è uscito e ha siglato il ‘tempone’ di 1’41'727, battendo Rea di 184 millesimi.

Alle spalle dei primi due, ottimo terzo tempo di Loris Baz: in sella alla Yamaha del Team Ten Kate, il transalpino ha fermato il cronometro sul tempo di 1’41'911, a poco più di 2 decimi e mezzo da Redding. La prestazione di Baz scalza dal terzo posto di giornata Alex Lowes: il leader del mondiale dopo Phillip Island è quarto in sella alla Kawasaki, con un gap di quasi mezzo secondo da Rea.

Honda in progressione


Al box Honda si deve essere lavorato molto bene, perché Alvaro Bautista sta migliorando velocemente i suoi tempi, tanto da concludere il Day1 al quinto posto, a poco meno di 6 decimi dal leader sulla Ducati.

Sesto crono per la prima BMW, quella di Tom Sykes, a 7 decimi dal top, mentre Sandro Cortese conclude la prima giornata di test al settimo posto. Non benissimo, considerando i tempi di Redding, per il suo compagno di squadra Chaz Davies, che ferma il cronometro a ben 9 decimi dalla Ducati gemella.

Gap di poco più di 1 secondo dal leader di giornata per Toprak Razgatlioglu e la sua Yamaha, al nono posto.

A completare la top ten, Eugene Laverty sulla seconda BMW, che accusa un ritardo di circa mezzo secondo dal suo compagno di squadra Tom Sykes.

Undicesimo crono per Leon Haslam sulla Honda HRC, nonostante la gran botta della mattinata, e dodicesimo tempo per l’argentino Leandro Mercado (Motocorsa Racing Team) davanti all’americano Garrett Gerloff su Yamaha dello Junior Team.

Solo quattordicesimo Michael van der Mark, che precede Federico Caricasulo. Più attardati Maximilian Scheib e Sylvain Barrier.

Andrea Locatelli, una carta su cui la SBK deve puntare