La prima giornata di test in Catalunya ha regalato un nuovo confronto tra Scott Redding e Jonathan Rea, in cui a spuntarla è stato il britannico del team Aruba.it Racing, che ha issato la sua Panigale V4R in vetta, pochi minuti prima della bandiera a scacchi. Un buon inizio per Scott, che ha apprezzato la possibilità di macinare chilometri sotto il sole catalano.

“È stato bello tornare sulla moto, qua in Spagna - ha detto Redding a fine giornata -. Le condizioni della pista sono cambiate molto oggi, per me, rispetto ai test che abbiamo fatto fino adesso. Un sacco del lavoro svolto in inverno è stato fatto con pista fredda. Phillip Island non era molto calda, eccetto per l’ultima gara, mentre a Misano faceva caldo e c’era un sacco di grip”.

Con i primi round del calendario SBK concentrati nel periodo estivo saranno proprio le alte temperature a farla da padrone, per questo Redding ha cercato di focalizzare il lavoro sulla tenuta di fisico, moto e gomme, piuttosto che sulla ricerca della prestazione.

“Oggi è stato giorno buono per imparare - ha raccontato il #45 -. Ho fatto un long run a metà giornata. Faceva caldo ed è stato lungo, ma è questo il lavoro che dobbiamo fare. Alla fine della giornata non ho fatto un run lunghissimo e sono riuscito a tornare in pista per migliorare il mio tempo. Abbiamo anche provato alcune parti che avevamo confermato a Misano, ma qui per me la cosa importante era girare e capire come si comportano la moto e le gomme con il caldo”.

Sebbene sia una new entry nel calendario della WordSBK, quello di Barcellona non è un circuito nuovo per Scott, che ci ha corso quando militava nel Motomondiale, senza mai riuscire a salire sul podio. Un trend che il ducatista spera di riuscire a cambiare tra le derivate di serie.

“È stato un tracciato difficile per me in passato, ma è stata una buona cosa per me poter lavorare oggi con il caldo - ha concluso Redding -. Nel complesso sono molto soddisfatto. Tornare qui mi ha ricordato alcuni bei momenti della MotoGP, ma adesso è il momento di pensare alla Superbike ed è ciò che abbiamo fatto oggi”.

Jonathan Rea e la Ninja in “concerto” a Misano - VIDEO