Dopo il lockdown, Alvaro Bautista ha potuto ritrovare la sua fiammante Fireblade, messa in pista a Barcellona dal team HRC factory. Lo spagnolo conosceva già bene il tracciato catalano e ha potuto sfruttare l’esperienza maturata in anni di Motomondiale nella guida al Montmelò, sede dei test SBK.

Per lui era la prima volta dopo Phillip Island: “Quello di oggi si trattava, sostanzialmente, del mio ritorno su una moto da corsa - svela - e, all’inizio, ho dovuto resettare la mia mente, perché tutto accadeva davvero velocemente. Ho iniziato a recuperare il feeling con la Honda CBR RR-R”.

Quinto tempo finale per il numero 19 nel test di oggi, non male malgrado non siano state provate soluzioni inedite:Non abbiamo provato nulla di nuovo per la moto - conferma - perché abbiamo preferito concentrarci sul ritorno in sella e le relative sensazioni, lasciando per le prossime volte le cose nuove. Abbiamo lavorato sulla frenata, avendo avuto problemi in quell’area, specialmente in Curva uno. Abbiamo speso tutta la giornata per provare a migliorare, alla fine abbiamo trovato qualcosa che ci potrebbe aiutare, analizzeremo i dati e domani proveremo a compiere passi avanti nella stessa via”.

Test SBK di Barcellona, Redding risponde a Rea