La due-giorni di test del mondiale Superbike a Montmelò si è conclusa con una sessione rovente, dove le temperature dell’asfalto hanno raggiunto i 50 gradi centigradi.

Altrettanto incandescente la sfida in pista, soprattutto fra la Kawasaki di Rea e la Ducati di Redding, che non ne vuole sapere di essere secondo al penta-iridato. Nel pomeriggio assolato sulla pista spagnola, Redding ha fatto di tutto per balzare in vetta alla tabella dei tempi, e ha concluso la sessione al comando, ma il crono di 1’41’’737 non gli è sufficiente per scalzare Rea dalla vetta, che si è assicurato saldamente questa mattina, con il tempo di 1’40'450.

Temperature eccessive


Le temperature di questo pomeriggio sono state eccessive, e nessun pilota ha migliorato le proprie prestazioni. Per la cronaca, Redding si è piazzato davanti alla Yamaha di Razgatlioglu per appena 47 millesimi, con Baz – anche lui su Yamaha, ma satellite – al terzo posto. Quarto crono per Chaz Davies davanti al leader del mondiale Alex Lowes. Nella sessione conclusiva della due giorni Rea si è accontentato del sesto tempo, ma evidentemente non era quello l’obiettivo. Settimo crono per lenadro Mercado, ottavo per Gerloff, poi Haslam e Cortese, coN Caricasulo appena fuori dalla top ten, davanti Van der Mark.

Così nei due giorni


Ma proprio per via delle temperature elevate, questi tempi sono poco indicativi. Il vero polso della situazione ce lo dà la classifica combinata delle due giornate, dove Jonathan Rea si conferma al comando, anche se con appena 156 millesimi di distacco su Scott Redding.

Alle loro spalle c’è un vuoto di 4 decimi prima di trovare Tom Sykes, bravo a portare la BMW al terzo posto di questa classifica combinata. Maggiore il gap del compagno di squadra di Rea, Alex Lowes: il leader del mondiale su è fermato a 6 decimi da Rea, quarto assoluto. Più staccato – a ben 7 decimi - Toprak Razgatlioglu, mentre Eugene Laverty, sesto, accusa un secondo di ritardo dal leader delle prove.

Nella top 6 - e quindi entro 1 secondo da Rea - manca la Honda di Alvaro Bautista, che oggi ha lavorato molto sull’elettronica, ma ha concluso la giornata addirittura in quindicesima posizione.

Insomma, alla luce di questi test, la ripresa del mondiale Superbike si fa sempre più interessante…

Test Barcellona, Day 2: continua il braccio di ferro tra Rea e Redding