È un Chaz Davies moderatamente soddisfatto, quello che lascia Barcellona al termine della due giorni di test al Montmelò, ultima sessione di collaudi prima del round di Jerez.

“È stato molto importante tornare di nuovo qui, perché era passato davvero tanto tempo dall’ultima volta, 15 anni, e guidare la Superbike qui è molto diverso - ha detto il gallese a fine giornata -. Mi sono dovuto riadattare al circuito e imparare alcuni passaggi ingannevoli”.

Mentre il compagno di squadra Scott Redding si giocava la vetta con Jonathan Rea, Davies non è riuscito a portare la sua Panigale V4R più in là della nona piazza, fermando il cronometro sull’1’41'903. Un crono di 33 millesimi migliore del riferimento firmato al mattino, quando il gallese non era perfettamente a suo agio con la moto.

“Questo pomeriggio abbiamo trovato un po’ di trazione e direzionalità ed è una buona cosa, perché stava diventando un po’ complicato - ha spiegato Chaz-. Abbiamo fatto dei passi avanti, che è la cosa importante e sono abbastanza felice di ciò”.

Direi che questi due giorni sono andati abbastanza bene, fa molto caldo in questo momento, sono condizioni simili a quelle che troveremo a Jerez, quando riprenderemo a gareggiare - ha aggiunto -. Quindi è importante lavorare sulla moto non solo per pochi giri, ma con le gomme usate. E direi che abbiamo fatto un buon lavoro in quest’ambito”.

Test Barcellona, Redding: “L’obiettivo non era fare il tempo…”