Chaz Davies si prepara ad affrontare il secondo round del mondiale Superbike questo fine settimana a Jerez. Il gallese è reduce da un debutto stagionale non entusiasmante a Phillip Island, dove ha collezionato soltanto un ottavo posto in gara1, uno ‘zero’ nella Superpole Race, parzialmente riscattato dal quinto posto in gara2 in sella alla Ducati Panigale VR4.

Insomma, un weekend da dimenticare, tanto da indurre Davies a dichiarare che "Per fortuna c'è una sola Phillip Island in calendario".

Oggi Chaz Davies è già arrivato a Jerez, dove si è imbattuto nei nuovi protocolli che Dorna ha introdotto per garantire massima prevenzione e sicurezza all’interno del paddock nei confronti della pandemia di Coronavirus.

"Il mondo è cambiato..."


“E’ bello tornare a correre. Sarà tutto molto diverso ma credo che anche il mondo sia cambiato in questi ultimi mesi”, annuncia Davies in attesa di scendere in pista per le prime prove libere in programma venerdì alle 10.30.

“Di sicuro, così come abbiamo visto in MotoGP, la temperatura sarà un fattore predominante per tutti.

“Sarà una sfida impegnativa sotto tutti i punti di vista: per i piloti, per le gomme, per il set up. Per questo sarà importantissimo lavorare molto bene fin da venerdì mattina.

Mi sento bene fisicamente, ho lavorato molto e non vedo l’ora di tornare sulla mia Panigale V4 R anche alla luce dei test di Misano e Barcellona che hanno dato indicazioni positive”, conclude Davies.

Nei test di Montmelò il gallese ha concluso con il nono tempo assoluto, ma – come lui stesso aveva raccontato – ha girato molto con le gomme usate, concentrandosi sull’ottica di gara più che sul giro secco.

SBK Jerez: gli orari TV di Sky e TV8