Dei cinque produttori che sabato e domenica disputeranno Superpole e gare, ognuno ha una propria storia sul circuito di Jerez e Ducati è quella che ha ottenuto finora il maggior numero di vittorie

Ducati


La casa di Borgo Panigale vanta il primato di vittorie sul circuito di Jerez con sette successi a partire dal 1990. L’ultima gioia risale all’anno scorso quando a battere tutti nella Tissot Superpole Race è stato Alvaro Bautista. Nel 2017 Marco Melandri ha conquistato l’ultima pole position Ducati con il tempo di 1’38.960, e in totale la Casa emiliana è salita sul podio in 13 occasioni, le prime due nel 1990 grazie ai successi in Gara 1 e in Gara 2 firmati da Raymond Roche.

Kawasaki


Nella speciale classifica dei numeri di successi occupa il secondo posto la casa di Akashi, che si è imposta in tre occasioni. L’ultimo successo è arrivato nel 2017 con Jonathan Rea che è stato il migliore in Gara 1 e in Gara 2. Nel 2019 il nordirlandese è scattato dalla pole position e Kawasaki è prima nella classifica del maggior numero di pole position conquistate. Come Ducati anche Kawasaki a Jerez può vantare 13 podi, di cui l’ultimo è il terzo posto di Toprak Razgatlioglu in Gara 2.

Yamaha


La casa di Iwata ha raccolto solo un successo a Jerez, lo scorso anno con Michael Van der Mark in Gara 2. Però la casa giapponese ha un record di 5 podi sulla pista andalusa, tutti conquistati nel 2019 con l’olandese (2° in Gara 1; 2° nella Superpole Race e 1° in Gara 2) e con Marco Melandri (3° in Gara 1 e 3° nella Superpole Race).

Honda


Zero vittorie per la casa alata su questa pista, e dal 1990 ha conquistato quattro podi. L’ultimo porta la firma di Michael Van der Mark che nel 2015 in Gara 1 ha chiuso in terza posizione.

BMW


Nessuna vittoria neanche per la marca bavarese, che però a Jerez vanta velocità massima raggiunta con Marco Melandri, a 282.6 km/h, nel 2013. L’anno scorso il miglior risultato è stato un quinto posto conquistato da Tom Sykes nella Tissot Superpole Race. La Casa tedesca si è piazzata al sesto posto in Gara 1 e in Gara 2. L’unico podio risale al 2013, in Gara1 con Melandri che arrivò secondo.

Il ritorno di Melandri: “Curioso di vedere quale sarà il mio livello”