E’ un Marco Melandri nel complesso soddisfatto quello che ha incontrato alcuni giornalisti dopo la fine delle FP2 del suo primo round Superbike in sella alla Ducati V4R del Team Barni. Il ravennate ha chiuso al 14° posto il combinato delle libere, ma il passo c’è e domani può puntare a salire più in alto in classifica, migliorando il feeling con la sua nuova moto.

E’ stata una bella giornata - ha esordito Melandri - le condizioni oggi erano veramente difficili, nel pomeriggio la pista è cambiata tanto però sono contento perchè quello che abbiamo fatto sulla moto è andato nella direzione giusta. Dobbiamo migliorare ancora tanto ed io devo prendere ancora tanti automatismi, però vedo che giro dopo giro le cose vanno meglio. Non mi viene ancora bene usare la gomma nuova però nel pomeriggio sono stato più vicino. Questo era il mio target e vediamo domani di migliorare ancora”.

SBK, Melandri lascia le curve di Manuela, per le pieghe con la Ducati - FOTO

A margine del venerdì ha parlato anche Marco Barnabò, team manager di Barni Racing, anche lui soddisfatto della prima giornata, ben conscio che il team parte indietro visti i tanti problemi riscontrati fino ad ora.

Riguardo ai due turni di oggi siamo abbastanza soddisfatti - ha detto Barnabò - sappiamo che partiamo da molto indietro rispetto a tutti non avendo fatto test con Marco. Oggi era importante per noi trovare un giusto setup per lui. Sicuramente ci stiamo avvicinando, non siamo ancora arrivati a come lui piacerebbe sfruttare la moto però dalle FP1 alle FP2 è migliorata. Siamo fiduciosi di fare un altro step domani. Oggi abbiamo lavorato principalmente per la gara girando con gomme usate e quindi vedremo di fare un buon lavoro per domani”.

Melandri è pronto a riscrivere un secondo capitolo insieme a Ducati ed al team Barni, le FP3 di domani saranno il turno decisivo per l’accesso alla Superpole e lì si capirà quanto potrà dare la nuova coppia da qui a fine stagione.

SBK: sella speciale e dedicata per Melandri, sulla V4 R di Barni