Una MotoGP in "Verde". Questa la “pretesa” inoltrata a Kawasaki da Jonathan Rea, cinque volte iridato SBK con la Casa di Akashi. Il nordirlandese, a dispetto delle tante offerte ricevute dalla concorrenza, ha deciso di rimanere in verde, firmando un contratto a vita.

Tra le richieste messe sul piatto dal numero 1 delle derivate di serie, la garanzia di un modello ZX-10RR in stile “MotoGP”, dotato di una base tecnica ancora più avanzata dell’attuale - vincente nelle competizioni e iconica nel mercato vendite - che vada, perlomeno, a “pareggiare” le prestazioni offerte dalla Ducati Panigale V4 R.

"Kawa a vita"


Johnny e il team Provec KRT avevano, tra l’altro, ricevuto una proposta allettante da BMW: i dirigenti di Monaco volevano acquisire in blocco il pilota, Guim Roda ed il suo staff, con tanto di ingegneri fiduciari. Nulla da fare, perché sappiamo come Rea abbia deciso di terminare la carriera con Kawasaki, marchio di riferimento in SBK e direttamente collegato alla squadra spagnola.

Verde speranza


Il Cannibale, lo ha detto più volte, continuerà a correre sino a quando nella propria testa aleggerà il seguente pensiero: vincere. Punto. Lamentatosi (poco) all’inizio del 2019 - quando la Ducati Paniagle V4R e Alvaro Bautista dominavano da rookie di categoria - e abbassata la testa dietro al cupolino della sua Ninja, Jonathan non ha più ribadito quanto la Kawasaki soffrisse nei confronti della Ducati, specialmente in termini di prestazioni motoristiche. A mondiale vinto, l’ennesimo, Rea non ha dimenticato di ricordare ai vertici giapponesi che urgeva rimettere mano al progetto ZX-10RR, capace di conquistare titoli corridori dal 2013 con Tom Sykes e più avanti con l’attuale Re britannico.

Superbike o MotoGP?


Secondo indiscrezioni molto vicine ad Akashi, la nuova Ninja sarà molto... spinta. Si vociferano potenze nell’ordine dei 215 cavalli, carenatura alata, elettronica sofisticata e multi regolabile. Un conseguente kit racing verrà poi commercializzato e messo a disposizione dei team appartenenti nei vari campionati nei quali la ZX-10RR sarà iscritta.

La Rossa V4 R dovrà difendersi dagli attacchi della Verdona, che avrà un progetto rimanente sul mercato almeno tre anni, anche se alcuni fonti garantiscono quattro stagioni complete, con relativi aggiornamenti da riproporre di volta in volta.