Il terzo turno di prove libere di questa mattina ha consentito a tutti i piloti del mondiale Superbike di migliorare i propri crono rispetto alla giornata di ieri, complici le temperature meno elevate sul circuito di Jerez, che ospita il secondo round della stagione questo fine settimana.

E’ stato Michael van der Mark sulla Yamaha ufficiale a siglare il miglior crono nelle ultime prove libere, a ridosso della Tissot Superpole. Il pilota olandese ha sfruttato al massimo le temperature favorevoli della pista e dopo una vittoria in Gara 2 a Jerez la scorsa stagione, è pronto a portarsi di nuovo in lotta per le posizioni di vertice.

Quinto tempo per Redding e la Ducati


Il pluricampione del mondo Jonathan Rea sulla Kawasaki ufficiale è sceso al secondo posto dopo aver guidato la tabella dei tempi per la maggior parte della sessione, Loris Baz, il più veloce della giornata di ieri, sulla Yamaha di Ten Kate Racing, conclude la sessione al terzo posto, continuando a sfoggiare un ritmo elevato. Il quarto tempo appartiene a Toprak Razgatlioglu, il terzo dei piloti Yamaha fra i primi quattro. Scott Redding e la sua Ducati ufficiale sono al quinto posto questa mattina.
Sesta posizione per un impressionante di Federico Caricasulo sulla Yamaha GRT Junior Team, che conferma il dominio di Yamaha a Jerez. Il vicecampione del mondo della Supersport continua a sentirsi sempre più a suo agio in sella alla Superbike.

Lowes, Davies e Bautista indietro


Il leader del campionato Alex Lowes su Kawasaki è settimo davanti all'ex pilota Kawasaki Tom Sykes, ormai da anni in BMW. Leon Haslam, alfiere del Team HRC, è il primo dei piloti Honda, e si piazza al nono posto. Il più veloce nella FP2, Michael Ruben Rinaldi, sulla Ducati del team GoEleven, piazza la sua Ducati al decimo posto, terzo fra i piloti indipendenti nella top ten.

Chaz Davies conclude soltanto all’undicesimo posto con la Ducati ufficiale davanti alla Honda di Alvaro Bautista. Quattordicesima posizione per Marco Melandri sulla Ducati del team Barni. Ventunesimo crono per Lorenzo Gabellini, sulla Honda del team MIE Racing Althea.

Da segnalare la caduta del francese Christophe Ponsson in curva 1, senza conseguenze fisiche per il pilota.

I primi dieci, comunque, sono racchiusi in appena 6 decimi, il che lascia pregustare un weekend di grande equilibrio.

I tempi


1 - Michael van der Mark (team ufficiale PATA YAMAHA WorldSBK) 1’39.639

2 - Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +0.205

3 - Loris Baz (Ten Kate Racing Yamaha) +0.206

4 - Toprak Razgatlioglu (squadra ufficiale PATA YAMAHA WorldSBK) +0.280

5 - Scott Redding (ARUBA.IT Racing - Ducati) +0.464

6 - Federico Caricasulo (GRT Yamaha WorldSBK Junior Team) +0,468

7 – Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +0.508

8 – Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) + 0.538

9 – Leon Haslam (Team HRC) + 540

10 – Michael Rinaldi (Team Goeleven) + 0.614

Baz: “Il nuovo motore? Aiuta, ma non farà la differenza”