Alvaro Bautista esce da Jerez non molto soddisfatto viste le premesse dopo un venerdì nel complesso positivo. Le alte temperature registrate sul tracciato andaluso hanno messo in crisi sia lui che il team mate Haslam, non riuscendo a concretizzare quanto di buono visto nelle libere.

Lo spagnolo ha chiuso ottavo Gara 2, ma ben lontano dalle posizioni che sperava di occupare, nonostante una moto comunque molto veloce sul dritto, ma difficile da far girare nei curvoni di Jerez. Alvaro aspetta Portimao settimana prossima per provare a migliorare le prestazioni delle due gare odierne.

“Le condizioni estreme non ci hanno aiutato”


“Dall’ultimo test il mio feeling con la moto è migliorato - ha esordito Bautista - venerdì è stato facile trovare il passo che volevamo in questa fase. Da quel punto non siamo più riusciti a miglirarci e le condizioni estreme non ci hanno aiutato. Detto questo, abbiamo lavorato tanto per tutto il weekend, provando tanti set-up per la moto e tutte queste informazioni ci aiutano a proseguire il lavoro che stiamo facendo. Sia io che Leon stiamo andando nella stessa direzione e dando più o meno gli stessi feedback e ciò è positivo perchè significa che abbiamo un'idea chiara di quello di cui abbiamo bisogno. Ovviamente mi sarebbe piaciuto essere più avanti, ma al momento questa è la situazione e dobbiamo andare avanti con energia e positività. Honda ed HRC stanno lavorando bene e penso sia solo una questione di tempo”.

SBK Jerez, Rea: “Gara 2 è stata frustrante”