24 sono i punti che oggi Jonathan Rea paga dal leader della classifica iridata, Scott Redding, quando siamo alla vigilia del terzo round stagionale. Il nord-irlandese a Portimao, in Portogallo, punta a tornare alla vittoria su questa pista dove in passato ha ottenuto ottimi risultati e che sorride alla sua Kawasaki.

La sua Portimao


Lo scorso anno Rea lasciava il Portogallo con due vittorie e un secondo posto, a suo nome sono i successi del 2017 e 2018 e il campione del mondo in carica è ottimista di fare bene: “Portimao è un circuito dove in passato sono stato competitivo e si adatta alla nostra moto. Ci sono molte aree in cui possiamo sfruttare i punti forti della nostra Ninja ZX-10RR. La pista è molto ondulata e assomiglia molto a una di motocross, e questo mi diverte. Con quei dislivelli e le curve cieche non è facile fare un giro perfetto. Non vedo l’ora che sia venerdì per scendere in pista e lavorare di nuovo con il team”.

SBK, Portimao: sul rollercoaster prima della sosta

Target


Il cinque volte iridato ha poi aggiunto: “L’obiettivo sarà quello di capire come funziona la nostra configurazione base su quella pista, soprattutto con il caldo. Probabilmente dovremo affrontare temperature molto alte come quelle dello scorso fine settimana. Confermiamo tutto il nostro pacchetto perché a Jerez ha funzionato abbastanza bene. Il nostro obiettivo sarà migliorare le sensazioni, lavorare per le gare e alla fine vincere”.

L'editoriale del Direttore: bentornata SBK!