Dopo la pausa estiva, il Mondiale Superbike fa di nuovo tappa nella penisola iberica e più precisamente vicino ad Alcaniz, per il primo doppio appuntamento stagionale sul tracciato di Aragon.

Il team Barni e Melandri vogliono mettersi alle spalle le difficoltà di Portimao e ricominciare a guardare in alto su una delle piste preferite di Marco, il MotorLand di Aragon con i suoi 5 km ed un rettilineo infinito favorevole alla potenza del V4 di Borgo Panigale.

Pista amica


Qui il ravennate ha colto la sua prima vittoria nel 2011 al debutto con la Yamaha, replicata nel 2012 con la BMW. In totale sono 9 i podi ottenuti su questo tracciato dal 2011 ad oggi, solo Davies e Rea gli sono davanti. 

Sono davvero contento di tornare a correre dopo queste due settimane di pausa” – ha dichiarato Melandri – “perché voglio dimenticare completamente Portimao,Aragon è una di quelle piste che mi ha fatto venire voglia di tornare in sella. Fare due round di fila qui sarà molto interessante, soprattutto per capire quanto si riesca a migliorare il secondo weekend.
"Nonostante il mese di agosto, abbiamo lavorato con il team per cercare di trovare le soluzioni ideali per la mia guida e ancora una volta la squadra ha fatto un grande sforzo per venire incontro alle mie richieste. Abbiamo visto che in molti casi da una gara all'altra ci sono grandi cambiamenti dei valori in campo -
ha quindi concluso Marco - e ripartiamo con la massima determinazione per cercare di dare una scossa a questa stagione”.

SBK Aragon: Rea, Redding e Razgatlioglu in duello, ma occhio a Davies