Anche per Honda HRC è tempo di tornare in pista dopo il test di Aragon di due settimane fa e la successiva pausa estiva. Trittico di gare in Spagna a partire dal doppio appuntamento di Aragon di queste due settimane e la tappa di Barcellona di metà settembre. 

Nell’accorciato campionato 2020, il double header di Aragon rappresenta una novità per tutti con sei gare sullo stesso tracciato per la prima volta nella storia. TeamHRC ha completato due giornate di test ad Aragon molto produttive, ciò significa che i piloti sono ottimisti per questo doppio impegno.

Inaugurato nel 2009, il MotorLand Aragon è una struttura moderna situata ad Alcaniz, nella comunità autonoma di Aragona, nord est della Spagna. Il circuito dista circa 250 km da Barcellona ed è presente nel calendario dal 2011. Lungo 5,077 km e con un rettilineo principale di 1 km, il tracciato conta 17 curve, 7 a destra e 10 a sinistra. 

SBK Aragon: gli orari TV di Sky e TV8

Alvaro Bautista


Abbiamo raccolto molti dati durante il test qui ad Aragon successivo al round di Portimao” – spiega Bautista – “sarà un double header molto duro soprattutto dal punto di vista fisico, con il caldo simile a Jerez e Portimao ma dobbiamo essere pronti a lavorare in tutte le condizioni. Il nostro obiettivo è chiaro, migliorare il feeling e le prestazioni con la moto. I risultati arriveranno se continuiamo a fare passi avanti. La moto la sento più mia e non vedo l’ora dei prossimi round”.

SBK Portimao, Bautista: “Non sembra, ma abbiamo fatto un passo avanti”

Leon Haslam


Non vedo l’ora dei weekend ad Aragon” – gli fa eco Haslam – “è forse la migliore opportunità che abbiamo avendo provato qui due volte e sappiamo di cosa abbiamo bisogno. Perciò arriviamo al weekend per fare del lavoro di fino invece di provare nuove cose. Il nostro passo nei test era abbastanza buono, ma dobbiamo ancora lavorare su alcuni aspetti quando fa molto caldo. E’ la migliore occasione per lottare per le posizioni che contano”.