Quattro diverse Case nelle prime cinque posizioni dopo il turno di prove libere che ha ufficialmente aperto il primo weekend del mondiale Superbike di Aragon: Ducati, Kawasaki, Honda e BMW.
A siglare il miglior crono è un pilota che qui ha vinto ben sette volte: Chaz Davies. L’alfiere della Ducati ufficiale ha fatto segnare il miglior tempo della sessione con un vantaggio di poco meno di 1 decimo sulla compagine di 22 inseguitori. Soltanto undicesimo il suo compagno di squadra Scott Redding.

Chaz Davies ha iniziato il round spagnolo alla perfezione, con l’obiettivo dichiarato di ritoccare il suo record di vittorie.

Il suo tempo di 1'50.543 gli ha consentito di piazzarsi davanti a Michael Ruben Rinaldi per soli 58 millesimi, primo degli indipendenti sulla Ducati con i colori del team Goeleven.

Il campione in carica Jonathan Rea, alfiere ufficiale di Kawasaki ha concluso la sessione al terzo posto posto; i primi tre sono racchiusi in meno di due decimi.

Problemi per Bautista e Sykes


Bene Alvaro Bautista: il pilota Honda Team HRC, che ha ottenuto tre vittorie al MotorLand Aragon nel 2019 con la Ducati, ha concluso la sessione al quarto posto nonostante una caduta alla curva 1 a circa 15 minuti dalla fine della sessione; lo spagnolo è risalito in moto ed è rientrato in pit lane. Bautista in seguito ha avuto un problema tecnico a due minuti dalla fine.

Anche Tom Sykes sulla BMW ha avuto problemi tecnici durante la sessione, ma è stato in grado di rientrare in pista per piazzarsi quinto assoluto, davanti a Loris Baz, alfiere Ten Kate Racing Yamaha.

Redding in difficoltà


Michael van der Mark è stato il pilota Yamaha ufficiale più veloce, e si è piazzato a mezzo secondo dal leader. L'olandese è stato solo 0,03 secondi più veloce di Alex Lowes su Kawasaki ufficiale. Leon Haslam sulla Honda HRC ha concluso la sessione al nono posto davanti alla Yamaha GRT di Garrett Gerloff.

Scott Redding si è classificato soltanto all'undicesimo posto, ma il pilota britannico cerca di riconquistare la testa della classifica, persa dopo la tripletta di Rea a Portimao. Sotto le aspettative anche Toprak Razgatlioglu, che sulla Yamaha ufficiale ha concluso al tredicesimo posto appena dietro al cileno Maximilian Scheib, alfiere del team Orelac.

Quattordicesimo crono per Federico Caricasulo, sulla Yamaha GRT, quinto degli indipendenti, diciassettesimo per Marco Melandri sulla Ducati del team Barni.

La Top 6


1) Chaz Davies (Ducati) in 1'50''543

2) Michael Ruben Rinaldi (Ducati Team GoEleven) +0.058

3) Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) +0.193

4) Alvaro Bautista (Honda HRC) +0.222

5) Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK) +0.383

6) Loris Baz (Yamaha Ten Kate Racing) +0.436
 

SBK, Bautista: “Abbiamo delle idee per le prossime gare di Aragon”