Dopo un venerdì non troppo esaltante, è arrivato un sabato piuttosto sofferto per il pilota del team Barni Racing, Marco Melandri.

Trascorse le FP3 alla ricerca del giusto setting, il ravennate non è riuscito a sfruttare al meglio la gomma morbida in qualifica, chiudendo la Superpole con il diciannovesimo tempo. Una posizione migliorata di poco in Gara 1,dove  il ravennate ha chiuso quattordicesimo, al netto di ritiri e cadute, che gli hanno permesso di mettere in cascina almeno due punticini iridati. Non certo il bottino che ci si aspetterebbe dal gagliardo Melandri visto all'esordio a Jerez.

Mai vicino ai protagonisti e alle posizioni che contano, Macho ha corso in difesa cercando di portare a termine la gara, senza prendersi troppi rischi. "Soprattutto nella prima parte di gara non sono riuscito a guidare come avrei voluto, sono andato lungo in un paio di occasioni perchè ho problemi nella fase di frenata e nella percorrenza di curva", ha spiegato Melandri a fine gara.

Qualcosa che Marco spera di non dover sperimentare di nuovo nelle due gare di domani, dove si augura di riuscire a cambiar passo, imboccando una nuova rotta. "Per domani cambiamo completamente direzione e cerchiamo di capire quale può essere una strada buona per migliorare".

Basterà per imboccare la via del riscatto?

SBK Aragon, Rea: “Al semaforo ho dormito”