E’ un Chaz Davies soddisfatto quello che compare davanti ai giornalisti nel media debrief, ma allo stesso tempo frustrato per non essere riuscito a riattaccare Jonathan Rea negli ultimi giri di gara. Il gallese, comunque, esce da Aragon 1 con un doppio podio, portando a 15 il totale dei podi sulla pista spagnola.

SBK Aragon: Rea mette il sigillo su Gara 2. Honda centra il primo podio

Chaz avrà una buona occasione per rifarsi subito nel prossimo fine settimana con il secondo round consecutivo sulla pista spagnola dove tutto può cambiare. 

“E’ stata dura”


Ho avuto una grande opportunità - ha esordito Davies - speravo che Johnny avesse un crollo come ieri in Gara 1, ma oggi aveva qualcosa in più in alcuni punti del tracciato. Io non avevo grip extra per stare con lui e provare ad attaccarlo nell’ultimo giro”.

La partenza non mi ha aiutato, ho dovuto spingere di più per recuperare e nel finale non avevo più gomma - prosegue il gallese -. Devo migliorare con le partenze e la posizione di partenza. Con la V2 il sistema di partenza era migliore rispetto alla V4, Ducati sta lavorando per risolvere questo problema”.

SBK Aragon, Davies: “La qualifica ha condizionato la prima parte di gara”

Sono felice, non posso essere deluso per un doppio secondo posto - ha aggiunto Davies -. Ho tanti pensieri per la testa, adesso andrò a parlare con il team per vedere cosa migliorare in vista di settimana prossima. Potevo vincere ma mi mancano ancora piccoli dettagli, però sono contento di averla portata a casa. La moto è migliorata tanto in alcune aree rispetto alle gare scorse ma dobbiamo ancora migliorare per la prossima gara”.

I risultati sono frutto della moto ed il feeling su alcune piste, come a Jerez. Sappiamo che ci manca ancora qualcosa, senza errori sarei potuto essere più vicino. Il passo di oggi era molto buono. Senza miglioramenti non sarei qui sul podio in questo weekend di Aragon”.

SBK Aragon, Bautista: “Siamo sulla strada per la vittoria”