La botta ricevuta da Tom Sykes è stata forte, tanto da consigliare Leandro Mercado ed il team Motocorsa ad una temporanea sostituzione. Il doppio round del Motorland ha visto in azione Tati in primis, Matteo Ferrari poi, per una squadra Ducati indipendente che non si è fatta trovare impreparata.

Il campione in carica della MotoE è tornato nel "suo" campionato elettrico - vincendo, peraltro - e l'argentino, titolare della V4 R schierata dallo staff di Lorenzo Mauri ritrova la propria cavalcatura: a Barcellona rivedremo in azione il numero 36, voglioso di tornare a sgomitare nel gruppo.

"Sto migliorando, ci vediamo in pista"


Per arrivare pronto alla sfida del Montmelò, Tati si è allenato a Galliano Park, piccola pista situata nei pressi di Forlì. Tante le le pieghe compiute su piccole pit bike, ideali per ripristinare riflessi e sensibilità di guida: "Sì, ho girato a Galliano, divertendomi - conferma - e diciamo che la caviglia mi duole ancora un pochimo, però sta migliorando progressivamente. Sono carico e convinto, ci vediamo in pista a Barcellona".

Al Circuit de Catalunya - novità SBK 2020 e tracciato nuovo per quasi tutti i piloti - Motocorsa e Mercado potranno proseguire il lavoro di sviluppo della moto: "Siamo tutti molto contenti del rientro di Mercado - l'entusiasmo di Lorenzo Mauri - Tati si è allenato parecchio per prepararsi al ritorno in pista. I test che abbiamo fatto a Barcellona erano andati bene, perché la simulazione gara era stata positiva. Ho sentito il pilota, è fiducioso e, come noi, vuole migliorare le prestazioni in gara".

Remy Gardner è come papà Wayne: pur infortunato, l'australiano non si arrende mai