Il team Aruba.it Racing Ducati arriva al Montmelo con un chiaro obiettivo: dimenticare al più presto il Round di Teruel, mettendosi in tasca più punti possibile.

Scott Redding e Chaz Davies non possono sbagliare dopo il catastrofico doppio fine settimana ad Aragon, dove il gallese è stato surclassato dall'astro nascente Michael Ruben Rinaldi - in odore di ingaggio per la prossima stagione -, mentre il compagno di box ha quasi detto addio al Mondiale, scivolando a 36 lunghezze da Jonathan Rea, a causa di una caduta in Gara 1.

Un compito che potrebbe non essere così semplice visto che la pista catalana, circuito di casa del team Kawasaki, rappresenta una grossa incognita, essendo una fresca aggiunta nel calendario del Mondiale Superbike. Ma il duo in Rosso è determinato e piuttosto ottimista, dopo le buone sensazioni raccolte nei test.

AAA, vittoria cercasi


I problemi di grip patiti ad Aragon saranno soltanto un ricordo a Barcellona? È questo che si augura Scott Redding, che in Catalunya spera di non rivivere i fantasmi del Motorland, per iniziare a riuscire a ricucire lo strappo con la Ninja #1.

“Durante i test a Barcellona il feeling è stato positivo, ma è chiaro che il weekend di gare è sempre una storia diversa - ha affermato il britannico -. Spero di riuscire a fare ulteriori passi in avanti rispetto alle buone sensazioni del test. Ad Aragon abbiamo fatto fatica soprattutto in un paio di curve che sono simili a quelle che troveremo a Barcellona. Dovremo lavorare per sistemare questi dettagli già da venerdì”.

I risultati positivi raccolti nei test fanno ben sperare anche il rider della Panigale #7, che spera che il tracciato del Montmelo si confermi una pista favorevole alla Ducati. “Sarà una sfida interessante su un circuito nuovo per noi. Abbiamo raccolto dati importanti nel test di luglio e le sensazioni sono state incoraggianti", ha detto speranzoso Chaz Davies.

"Sulla carta potrebbe essere un circuito positivo per la Ducati. Sono fiducioso di poter far bene ed allungare il trend di risultati positivi dopo i tre podi ottenuti ad Aragon”. Chissà che non sia proprio la pista di casa dei rivali a regalare al gallese il primo successo della stagione.

SBK, niente più wild card mondiali per Ponsson e Aprilia