Il team Honda continua a fare progressi, con Alvaro Bautista e la sua CBR1000RR-R che sono diventati una presenza fissa, nel gruppo davanti. Anche se lo spagnolo non ha ancora il potenziale per lottare per la vittoria, al podio conquistato ad Aragon ha fatto seguire altre prestazioni incoraggianti sulla pista di Barcellona.

A cominciare dalla terza posizione ottenuta in Superpole, dove ha chiuso a un decimo e mezzo dalla pole position di Jonatahan Rea."Stiamo facendo dei progressi graduali e oggi abbiamo conquistato la nostra miglior posizione in griglia in questa stagione, partendo dalla prima fila", ha detto Bautista al termine di Gara 1.

Nonostante una partenza poco efficace - che lo ha costretto a risalire dalla settima piazza, occupata al termine del primo giro - lo spagnolo è stato autore di una buona gara, che lo ha visto occupare la quarta posizione dal settimo passaggio fino a cinque giri dalla fine, quando Alvaro, scattato con una SCX al posteriore, ha iniziato a risentire del calo degli pneumatici.

Poco tempo per configurare tutto al meglio


Una situazione che è andata ad acutizzare un problema nel settaggio dovuto alla nuova forcella usata dallo spagnolo, mandando in crisi il #19, che nello spazio di due giri si è visto infilare prima da Davies e poi da van der Mark; terminando la corsa in quinta posizione, grazie alle difficoltà di un Rinaldi rimasto senza gomma.

"Non abbiamo avuto molte possibilità di girare sull'asciutto, quindi non eravamo certi di come ci saremmo comportati sulla distanza di gara", ha spiegato Bautista. "Penso che mi aspettassi di essere più veloce di quanto fossi, ma abbiamo avuto un piccolo problema con il set-up, che cercheremo di risolvere per domani. Stiamo usando una frizione diversa qui e sono molto contento della sensazione che offre, ma è differente dall'ultima e questo significa che dobbiamo modificare di conseguenza anche l'elettronica e non abbiamo avuto molto tempo per farlo, questo fine settimana".

"Ho iniziato ad avere qualche problema in più una volta che le prestazioni delle gomme sono calate, ma sono contento del fatto che stiamo lavorando bene e in modo coerente e oggi siamo riusciti a finire quinti - ha aggiunto -. Vedremo se riusciremo a fare un altro passo avanti per essere più competitivi in ??gara".

SBK Catalunya, Redding: “Ho sorriso quando Rinaldi mi ha fatto segno di seguirlo”