Sembrava potesse rivelarsi la giornata ideale di Eugene Laverty, a Magny - Cours in pole position con la S 1000RR, una moto che quest'anno gli ha dato più dolori che gioie. Grazie ad un giro perfetto su asfalto bagnato ed infimo, l'irlandese del team SMR ha portato in vetta la quattro cilindri teutonica, avvenimento che non accadeva da Phillip Island.

In Australia fu Tom Sykes a siglare il miglior crono in qualifica, oggi secondo. Per la Casa bavarese si stava materializzando un gran sabato, foriero di ottime promesse. Il tutto è, però, svanito in poche centinaia di metri, giusto una curva a sinista. Nella prima piega della manche, l'incidente che ha messo "kaputt" i due portacolori bianco, rosso e blu.

Una autentica disdetta per entrambi, soprattutto per Eugenio: "Mannaggia, nemmeno un giro ed ero già nella ghiaia - la sua delusione - neppure per colpa mia, tra l'altro. Non me l'aspettavo, ho ricevuto il colpo e sono finito giù, Nella caduta mi sono fatto male, forse ho una frattura ad un dito della mano e fatico a camminare. Ma non mi arrendo, tutto è ok".

SBK, Gerloff si difende: “Ero all'interno. Non ho fatto nulla di sbagliato”

Acciaccato ma positivo


Tutto abbastanza bene, con la possibilità di riscatto. Comunque, Laverty partirà anche domani dalla casella più avanzata dello schieramento: "Sperando che vada diversamente (ride) perché così è stato un macello. Finalmente abbiamo trovato un buon potenziale della moto, bisogna considerare che io sono al primo anno in BMW e che nelle ultime stagioni ho cambiato spesso squadra e dotazione tecnica".

BMW ha confermato Sykes e ingaggiato Van Der Mark. Michael entrerà nella formazione ufficiale, però l'idea tedesca è di allestire una ulteriore squadra: "Sì, ne stiamo parlando assiduamente - il numero 50 conferma - ci sono alcuni team che potrebbero passare a BMW. L'idea è della Casa, una soluzione molto interessante. Perciò, penso che ci sarà spazio pure per me, dato che sto crescendo ed inizio a capire ambiente e moto. La nuova M 1000RR promette grandi prestazioni, da vedere è bellissima, io potrei guidarla nel 2021. Questo è il mio obiettivo".

Locatelli Acquaman in Francia: Andrea centra l'ennesima vittoria