Gli atti finali del Campionato Italiano Velocità e del Mondiale Superbike si accavalleranno e, inevitabilmente, alcune squadre dovranno scegliere dove andare? Vallelunga o Estoril? Sarebbe bello esserci ad entrambi ma, non si può. Perlomeno fisicamente.

Ecco infatti la prima mossa: per onorare la bellissima stagione disputata nei confini nazionali, Samuele Cavalieri si presenterà a Campagnano, difendendo il secondo posto con la Panigale V4 R del team Barni. Anzi, a dirla tutta, il numero 76 potrebbe addirittura vincere il titolo, qualora il leader Lorenzo Savadori accusasse eventuali problemi. 

Il cesenate Aprilia, come l'uomo Ducati Michele Pirro, andrà a Portimao per effettuare test con "Superbike stradali", poi partirà per Roma e dintorni per completare la stagione da numero 1 di categoria. A quel punto, Banri sarà al completo in Italia, ma in Portogallo per la SBK chi ci và? Ecco chi.

Matteo Ferrari, repetita iuvant: dalla MotoE alla SBK iridata


Ci sarà Matteo Ferrari, in corsa ora per ribadire una coppa del mondo MotoE vinta nel 2019. Il romagnolo partirà per Le Mans, penserà in modalità elettrica, poi allungherà per l'Estoril, dove ritroverà un motore endotermico. Molto bene, così facendo Barni è al completo e la SBK non rinuncia a bravi protagonisti.

Il disastro BMW in SBK