Per festeggiare il suo 24esimo compleanno, Toprak Razgatlioglu stava per regalarsi la vetta del secondo turno di prove del Round conclusivo del Mondiale SBK. Un risultato abbastanza inutile, ma che per il turco sarebbe stato comunque una bella soddisfazione da togliersi dopo un periodo decisamente complicato, non fosse che Scott Redding aveva ben altri piani in mente.

Sotto alla bandiera a scacchi, infatti, è stata la Ducati Panigale V4R #45 a siglare il miglior tempo di giornata in 1'36"886. 89 millesimi in meno di quanto fatto dal turco della Yamaha, secondo davanti al compagno di marca Loris Baz, che sembra aver ritrovato la fiducia dopo il doppio podio di Magny-Cours.

Il tracciato dell'Estoril ha galvanizzato Redding, che non vuole rinunciare a credere nel colpaccio e, dominando il venerdì, manda un messaggio forte e chiaro al leader della classifica Jonathan Rea, comodamente quarto a poco più di mezzo secondo dalla vetta.

La Top 10


Quinto dietro al pentairidato della Kawasaki il compagno di squadra Alex Lowes, che ha preceduto Garrett Gerloff. Il texano, che conferma l'ottimo feeling della Yamaha con il tracciato portoghese, sembra trovarsi bene sull'Autodromo "Fernanda Pires da Silva" e lo ha dimostrato tenendosi dietro, per 20 millesimi, la Panigale dell'uscente Chaz Davies.

Completano la Top 10 le Yamaha di Jonas Folger (8°) e Michael van der Mark (9°) e la Honda di Leon Haslam, che ha chiuso davanti al compagno di squadra Alvaro Bautista, incappato in una caduta sul finale della sessione.

La classifica


All'Estoril Yamaha ricorda Fabrizio Pirovano con la R1 "Piro Replica"