Jonas Folger ha già deciso: nel 2021 vuole approdare definitivamente in SBK, evitando di partecipare a semplici wild card. Il tedesco ha vinto quest'anno il locale campionato IDM, portando al successo la Yamaha R1 M del team Bonovo Action, squadra che lo ha proposto anche al mondiale, nelle tappe di Barcellona ed Estoril.

Buoni risultati per lui, ex Motomondiale - un podio in MotoGP nel 2017 prima dei vissuti problemi di salute - e voglioso di tornare a competere sotto le luci della ribalta. Ha cercato, Jonas, spazio nelle formazioni Yamaha, ovvero, Crescente, GRT e Ten Kate. Ricevendo però, risposte negative.

Però, Folger non si arrende e, parlando la medesima lingua, sta dialogando con BMW per allestire un secondo team iridato, potendo disporre così delle M 1000 RR, moto bavaresi dal grande potenziale. Per realizzare l'affare, servono soldi: SMR ha chiesto ad Evan Bros, che non poteva arrivare a tanto. Shaun Muir e i diregenti di Monaco sono in contatto pure con Andrea Quadranti, manager MV Agusta in Supersport. Anche in quel caso, la voce è una: budget. 

Per Folger un buono sponsor, per Baz... tanti dubbi


Jonas ha dalla sua Bonovo Action, azienda che si occupa di trasporti pubblici sul suolo teutonico. Mica male, sentendo chi lavora con loro. A parole, tuttavia. La realtà - ad oggi, poi vedremo - è che il titolare dell'attività nicchia, facendo capire che, sì, di soldi ce ne sarebbero anche ma... dipenderà quanti ne saranno richiesti.

Per fare una stagione decente in SBK con un solo pilota e materiale competitivo occorre un milione di euro. Tanto, poco? Non sta a noi stabilirlo, però è chiaro che questa somma va trovata. Da BMW sarebbero "disposti" a fornire alcune agevolazioni, il restante deve essere erogato da chi arriva.

Discorso simile per Ten Kate. Con Loris Baz, il team olandese ha quest'anno fatto bene, cogliendo podi e buoni piazzamenti. Ma non è bastato: per affrontare un 2021 "tranquillo", Gerrit e Ronald cercano fondi, che il francese non vuole dare: "Io voglio correre, ancora non so cosa farò. L'obiettivo è rimanere in SBK, possibilmente con pacchetto ufficiale" le sue parole alla fine della stagiona appena conclusa. 

Se non trova una sella, Chaz Davies sa già che farà l'anno prossimo